La smania di Zaccheo

Lc 19,1-10

Il racconto di Zaccheo lo conosciamo, l’abbiamo sentito tante volte, ma forse non ci siamo mai chiesti che cosa l’Evangelista che ce l’ha trasmesso voleva insegnarci. Proviamo a rifletterci insieme…

Cominciamo col dire che, dal modo in cui si svolge il racconto, sembra che Gesù sia andato a Gerico proprio per incontrare Zaccheo. Zaccheo, ovviamente, non lo sa, ma si sente preso da una smania che lo porta a fare delle cose inverosimili per la sua posizione sociale. L’Evangelista ci tiene a precisarlo, a darci del personaggio una descrizione dettagliata: Zaccheo è il capo degli esattori, di quelli che riscuotono le tasse per conto di Roma; è quindi un impiegato di alto livello dell’Impero, ed ha anche molti soldi… Ma la natura gli ha fatto un brutto scherzo: Zaccheo è piccolo di statura.

Quando quest’uomo importante sente dire che sta arrivando Gesù, vuole vederlo, ma la folla glielo impedisce proprio a causa della sua statura. Un altro forse avrebbe desistito, se ne sarebbe fatta una ragione, ma lui no: mette da parte il prestigio della sua posizione sociale, la sua stessa dignità, e sale su un albero per vedere Gesù che sta per passare di là. E quando Gesù arriva, il “tappo” Zaccheo si accorge del fatto straordinario: Gesù sta lì proprio per lui, e gli dice di scendere da quella scomoda posizione perché si è auto-invitato a casa sua. Questo fatto produce una svolta radicale nella storia di quest’uomo, pubblicano, ricco e potente, ma anche “tappo”.

Le ricchezze che aveva accumulato dovevano essere molto consistenti se decide di darne la metà ai poveri e, da quello che rimane, se ha rubato a qualcuno, restituirà quattro volte tanto! E c’è da credere che, dopo questa “giusta riparazione”, non finirà in miseria.

Potremmo chiederci: Ma che cosa mai è successo per far sì che in Zaccheo si realizzasse una conversione così istantanea, radicale e incomprensibile? Penso proprio che il cambiamento di vita di Zaccheo non sia dovuto solo all’insperato gesto di Gesù di auto-invitarsi a casa sua. Gesù, attraverso lo Spirito Santo stava già lavorando da prima nel cuore e nella coscienza del potente esattore delle tasse È grazie a questo lavoro nascosto che Zaccheo sente dentro di sé la smania di mettersi in contatto con Gesù, sia pure solo visivamente; e non importa se per far questo, vista la barriera costituita dalla folla, deve comportarsi come un ragazzino curioso salendo salire su un albero.

L’opera di “conquista” da parte di Gesù era iniziata da tempo e la sua entrata nella casa di Zaccheo provoca nella sua vita quella rivoluzione stupefacente. Gesù spiega con una frase lapidaria quello che è successo: Oggi per questa casa è arrivata la salvezza.

Forse è questo il messaggio che l’Evangelista vuole dare anche a noi oggi. Non capiterà facilmente di trovarsi a vivere la stessa esperienza di Zaccheo, cioè di avvertire dentro di noi la smania di fare qualcosa, magari anche contro la logica, per ricavarne un bene. È più facile che ci troviamo nella situazione opposta, cioè di quella folla che seguiva Gesù, i cui componenti erano più che altro curiosi di vedere il personaggio famoso. C’è una differenza sostanziale tra quello che vuole quella folla anonima e quello che vuole Zaccheo. Ma Zaccheo è un “tappo” e la folla gli è di ostacolo nella realizzazione di quell’impulso che avverte dentro di sé.

Forse anche noi siamo, come Zaccheo, dei “tappi” spirituali, che hanno una piccola statura spirituale, delle persone che non raggiungono un accettabile livello di fede, di vita spirituale, ma si accontentano di una fede e di una vita spirituale al minimo, da massa amorfa spinta solo dalla curiosità verso le cose della fede, come quella folla che impediva a Zaccheo di vedere Gesù? Nella vita di tutti i giorni avvertiamo mai l’esigenza, lo stimolo, non di salire su un albero – il che magari non fa parte delle nostre concrete possibilità – ma di emergere sopra la folla anonima per vedere Gesù Cristo in una maniera diversa, per avere con lui un rapporto diverso? Se fossimo capaci di fare una cosa del genere, probabilmente ci accorgeremmo che non veniva da noi quell’ansia, ma era il Signore stesso ce la metteva dentro.

A volte il Signore ci chiama a fare qualcosa di particolare, a emergere dalla folla, a distinguerci per avere con lui un rapporto, una relazione, un’esperienza diversa. Non è facile perché – ecco la metafora legata alla figura di Zaccheo – siamo tutti come il capo degli esattori delle tasse di Gerico: piccoli di statura spirituale. Siamo forse dei giganti socialmente e fisicamente, ma spiritualmente siamo dei “tappi”, e allora non avvertiamo nemmeno dentro di noi quella smania di emergere, di fare un’esperienza forte della nostra fede, o, se l’avvertiamo, pensiamo che non sia dignitoso, opportuno, conveniente; ce ne restiamo, perciò, nascosti nella folla, omologati. In tal modo non si potrà mai realizzare per noi quello che si è realizzato per Zaccheo, l’incontro con Cristo che ci dice: Sono venuto per incontrare proprio te, voglio venire a casa tua.

(30.10.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*