La tentazione

Gen 2,7-9; 3,1-7; Mt 4,1-11

La prima domenica di Quaresima ci propone due racconti: il peccato di Adamo ed Eva e le tentazioni di Gesù. C’è un tema comune che li lega, una parola che nel mondo di oggi è poco compresa o poco accettata: la tentazione.

Che cos’è la tentazione? Le letture ci hanno presentato due esempi: uno ci presenta Gesù che si sottomette alla tentazione e ne esce vincitore; l’altro ci racconta dei progenitori che subiscono la tentazione del serpente.

Nella prima lettura colui che tenta è apparentemente un serpente. La tradizione biblica successiva lo ha identificato con il diavolo, che assume le sembianze di questo animale che in noi suscita in genere reazioni piuttosto negative…

Il serpente tenta la donna in modo subdolo, ricorrendo a delle bugie. Questo è già un particolare che dovrebbe farci riflettere: “È vero che Dio ha detto” così è così? “Non è vero per niente!” risponde la donna. Questo lui lo sapeva benissimo, ma intanto ci ha provato. La bugia, l’insinuazione, è un elemento utile al tentatore per conquistare l’attenzione. La donna ribatte a quella bugia, e così il dialogo può continuare… “Ma non è vero affatto quello che stai dicendo – continua il “serpente” –: Dio vi ha detto così perché sa benissimo che se voi mangiate il frutto… “, eccetera. E la donna ci casca.

La tecnica è sempre la stessa, ancora oggi il diavolo la usa nella tentazione: quello che vuole che noi facciamo, lo fa apparire come una cosa bella, attraente, qualcosa che vale la pena; e noi, scemi come furono scemi Adamo ed Eva, ci caschiamo.

Ai progenitori che cosa ha portato questo cedere alla tentazione? Lo sperimentiamo ancora noi oggi: una debolezza di fondo, intima, la perdita di qualcosa di non meglio identificabile. Prima di quel momento, essi erano rivestiti della grazia di Dio, erano amici di Dio; dopo la disobbedienza, il racconto ci tiene a precisarlo, si accorsero di essere nudi. Che cosa era successo di così strano? Non erano nudi anche prima? Ciò che ci vuole dire questo racconto è che Adamo ed Eva si accorgono di aver perso qualcosa: quell’alone di grazia, quell’abito spirituale che li rivestiva davanti a Dio; corrono ai ripari, facendosi dei vestiti di foglie di fico, ma è solo un misero e vano tentativo di rimediare all’errore commesso.

Nel Vangelo ritroviamo il tentatore. Questa volta non ha l’apparenza di serpente e l’Evangelista non ci dice come appare a Gesù, tanto c’è solo lui. Notiamo che la tattica è cambiata, rispetto ad Adamo ed Eva. Con Gesù la tecnica di tentazione è diversa. Attenzione: il diavolo sa benissimo con chi ha a che fare; lo sa benissimo che quello a cui sta provando a dare la tentazione è il figlio di Dio, ma ci prova lo stesso, perché ci deve provare: è il suo “mestiere”. E la tentazione in che cosa consiste? Qui, più che nel caso di Adamo ed Eva, cerca di far leva sulla sensibilità dell’uomo, direi proprio su alcuni “punti deboli” della natura umana: “lo stomaco” – Di’ che queste pietre diventino pane! –, il potere – Ti darò tutti regni del mondo se, prostrato, mi adorerai – la salute, più in generale l’incolumità fisica – Buttati giù, tanto sta scritto che non ti farà succedere niente –.

Ancora oggi la tecnica della tentazione è la stessa: anche con ognuno di noi, satana usa lo stesso procedimento; qualche volta (o più spesso) ci aggiunge argomenti “piccanti”, ma la sostanza non cambia: cerca di farci apparire attraente, bello, apprezzabile quello che ci propone. Non ci dice esplicitamente che è peccato, ma non ce n’è bisogno, perché noi lo sappiamo, o dovremmo saperlo; solo che, come ha fatto con Adamo ed Eva, ce lo fa apparire apprezzabile sotto un aspetto diverso. Adamo ed Eva conoscevano la proibizione di Dio, per cui non potevano toccare il frutto di quell’albero… E va be’, Dio ti ha detto che non devi toccarlo; ma guarda quanto è bello! Soprattutto pensa a che cosa ti farà: ti farà diventare come Dio!… Il più scaltro degli uomini, di fronte a una proposta del genere, cadrebbe; e il diavolo lo sa, il diavolo conosce bene le nostre debolezze.

Sperava che anche con il figlio di Dio fosse la stessa cosa, ma gli va male. E gli va male sapete perché? Perché tutti coloro che negli anni e nei secoli successivi avrebbero ascoltato o letto questo racconto, avrebbero dovuto chiedersi: Come ha fatto lui a vincere quella tentazione? A parte che è figlio di Dio, come ha fatto? Quali metodi, quali strumenti ha usato? E allora basta riflettere un attimo su quali sono le risposte che Gesù dà al diavolo.

Notate la differenza con Adamo ed Eva: Gesù non si mette a discutere. L’errore di Eva è stato di mettersi a discutere con il diavolo… Ma non è vero: Dio ha detto così e così… Ma ne siete proprio sicuri?… E così via. Quando ci si mette a discutere col diavolo, con le proposte che il diavolo fa, si ha sempre immancabilmente la peggio.

Gesù rifiuta il dialogo… Di’ che queste pietre diventino pane… Fermo lì! Sta scritto: non di solo pane vivrà l’uomo.

Il diavolo rimane spiazzato e allora cambia tattica. Lo porta in alto e gli mostra tutta la potenza del mondo. “Tutto questo sarà tuo se ti prostrerai davanti a me”. E Gesù, sempre con la Scrittura a portata di mano:  “Sta scritto: adorerai e servirai solo il Signore tuo Dio”.

Stavolta il tentatore prova ad usare le stesse armi, cioè le citazioni bibliche. “ Gettati giù: sta scritto che non permetterà che ti accada niente di male”… “Vattene, satana: sta scritto non metterai alla prova il Signore tuo Dio”. A questo punto al tentatore non resta altro che desistere.

Gesù ci dà una lezione di come possiamo, se vogliamo, sconfiggere la tentazione. Egli fa uso di uno “strumento” che anche noi conosciamo, almeno a livello di cultura: usa la parola di Dio. Ed è proprio qui la lezione che ci viene all’inizio della Quaresima, tempo propizio per la nostra conversione, tempo per cercare di rivedere la nostra vita, di migliorare la nostra esistenza, di intraprendere una strada più aderente alla volontà di Dio.

Belle parole, ma come possiamo fare se ogni momento siamo pungolati, tentati a fare sciocchezze? Lo strumento che oggi Gesù ci propone è quello di aderire alla parola di Dio; direi di più: di rivestirci, di farci avvolgere da un’atmosfera creata dalla parola di Dio. È difficile, complicato… Io credo che in tutte le nostre case ci sia una Bibbia, quindi non dovrebbe costarci molto, durante la Quaresima, ogni tanto aprirla e leggere qualcosa, anche se non capiamo… Attenzione: non è che sia ostrogoto quello che sta scritto là, ma con un po’ di buona volontà riusciamo almeno leggere. Se poi abbiamo l’impressione che non ci dica niente, lasciamo entrare dentro di noi quella parola, facciamone tesoro, lasciamola “fermentare”; vedremo che, poco alla volta, una lampadina da qualche parte si accenderà e ci accorgeremmo che quella frase che abbiamo letto qualcosa voleva dirci in merito a un particolare della nostra vita. Questo è quello che intendo quando dico “rivestirsi della parola di Dio”. È troppo faticoso farlo tutti i giorni? Va be’, se proprio avete tanto da fare… Ci sono sei domeniche di qui a Pasqua. Almeno la domenica, non vi dico: ascoltate quello che vi dice il parroco, ma delle parole che sentite proclamare in chiesa durante la messa, acchiappatene qualcuna e conservatela nel vostro cuore, riflettendoci su durante la settimana; vedrete che quella parola, seminata nel vostro cuore, porterà certamente un frutto. L’unica cosa che serve è farne tesoro.

(05.03.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.