La vera gioia

Mt 11,2-11

La terza domenica di Avvento è caratterizzata in modo straordinario dal tema della gioia, dall’invito a gioire, a rallegrarsi. Ovviamente l’invito si giustifica con il fatto che siamo ormai prossimi alla venuta del Salvatore. Ma in che cosa consiste questa gioia? Quale ne può essere il motivo?

Gli Ebrei aspettavano un Messia, ma non sapevano bene che cosa intendessero con questo termine, chi aspettassero veramente. Dato che erano sotto la dominazione romana, aspettavano che venisse un Messia salvatore, un condottiero che si sarebbe messo alla testa del popolo per guidarlo alla libertà dalla dominazione dei romani. Aspettavano, quindi, una liberazione politica da un Messia politico: un nuovo re che avrebbe ristabilito il regno di Israele.

Gesù aveva tutt’altri programmi per la testa. E quando Giovanni, dal carcere, manda i suoi discepoli a chiedergli se è lui quello che stanno aspettando, cioè se ormai i tempi si sono compiuti e l’attesa è finita, Gesù risponde citando la profezia di Isaia che ci è stata proclamata come prima lettura. Il profeta non annuncia un liberatore politico, non uno che si sarebbe messo alla testa del popolo per condurlo alla liberazione dai dominatori pagani, ma qualcuno che avrebbe fatto cose straordinarie, quelle che lui faceva: i ciechi vedono, gli zoppi camminano, i sordi odono e la buona novella è annunziata ai poveri.

Gesù distrugge le aspettative di una parte del mondo ebraico dicendo: Io non sono venuto per fare quello che voi vi aspettate dal Messia, eppure sono io quello che deve venire, perché Giovanni stesso è quello di cui Isaia dice che Dio lo manderà davanti al Messia a preparargli la strada.

Allora il motivo di gioia che ci viene proposto non è nella prospettiva di una liberazione politica, bensì nella certezza di fede di una liberazione spirituale.

Nel mondo di oggi ci sono tanti problemi, come c’erano al tempo di Gesù. Erano diversi, ma c’era sempre qualche motivo per lamentarsi, per essere infelici, per aspettare una liberazione, una salvezza… Gesù viene a proporre una salvezza, una liberazione, ma sul piano spirituale.

A questo punto noi potremmo dire: Quale motivo c’è per rallegrarsi della venuta del Signore se non viene per fare quello che ci aspettiamo? È lo stesso discorso che avrebbero potuto fare gli Ebrei al tempo di Gesù. Quando – lo sentiremo durante la Settimana Santa – egli parla delle cose che gli capiteranno di lì a poco, qualcuno dei discepoli, dopo tre anni che sono stati insieme, gli chiede: «È questo il tempo in cui ricostruirai il regno d’Israele?». Non avevano capito niente; ma, dopo 2000 anni, noi a che punto stiamo? Abbiamo capito qual è il motivo per cui dobbiamo fare festa, dobbiamo gioire per la nascita del Salvatore? Abbiamo capito perché quel Bambino nasce per noi?

L’invito alla gioia della liturgia di questa domenica non è inutile o privo di senso. Anche in un mondo pieno di difficoltà, di problemi, siamo invitati a rallegrarci per la venuta del Signore. Siamo veramente convinti che quel Bambino che nasce ha il potere di ristabilire la gioia sulla terra? Siamo proprio convinti che è giusto, è bello, è importante far festa per questo Bambino che nasce, anche se non risolverà i nostri problemi economici, sociali, politici e così via? Rimarranno infatti tali e quali, almeno finché non ci saremo impegnati noi a risolverli concretamente. Lui viene a fare qualcosa che ci darà la gioia nello spirito: viene a salvarci!

Farà tutto lui; a noi non resta che fargli spazio con gioia nella nostra vita, preparandoci a una degna accoglienza.

Ricordate le parole di Giovanni: Il Signore viene, raddrizzate i suoi sentieri, colmate le valli, appianate le colline… Quello che il Signore ci chiede oggi di fare, per gioire della sua venuta, non è un lavoro di ingegneria all’esterno – per preparare le nostre strade e le nostre case in attesa del Natale – ma di fare un lavoro di ingegneria spirituale: colmare i fossi che ci sono nel nostro cuore, raddrizzare le vie storte che ci sono nella nostra vita, abbassare le montagne di superbia che ci portiamo dentro… Questo farà sì che la sua venuta ci colmi di gioia vera, questo ci darà il motivo per rallegrarci della venuta del Salvatore.

(11/12/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*