L’attesa vigilante e fiduciosa del Signore

(Dom. XIX TO /C)

Le letture di questa domenica ci parlano dell’attesa, dell’attesa di un evento che nella prima lettura per gli ebrei era la liberazione dall’Egitto, mentre la seconda lettura ci ha descritto la fede di Abramo nell’attesa che si realizzasse la promessa di Dio di fare di lui una grande nazione. Si parla, dunque, dell’attesa di eventi importanti, basati su una promessa. Perciò non è tanto sul ricordo di quell’attesa che noi dobbiamo riflettere, quanto piuttosto sul come il popolo ebreo e Abramo hanno vissuto l’attesa di quei momenti forti della loro storia.

Nel Vangelo Gesù ci invita anche lui a un’attesa, l’attesa del suo ritorno glorioso. Ma a differenza di quello che avviene negli altri due casi, qui Gesù ci dice anche in che modo dobbiamo vivere questa attesa: Siate pronti con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese.

L’abbiamo sentita tante volte questa frase, ma forse non ci siamo entrati dentro davvero, non abbiamo capito fino in fondo che cosa significa. Gesù parla a degli ebrei; a quel tempo quando uno si metteva in libertà, si disponeva a una pausa di distensione, o quando si preparava ad andare a dormire, si toglieva la cintura che aveva ai fianchi; stare con le vesti strette ai fianchi significava essere pronti ad agire, vigilanti. Un’espressione analoga la troviamo proprio nelle disposizioni che Dio dà a Mosè per la notte della liberazione dall’Egitto: il popolo doveva consumare l’agnello immolato “con i fianchi cinti e il bastone in mano”, cioè pronti a partire. QuQQQella di cui ci parla Gesù, dunque, è un’attesa simile a quella della Pasqua.

Ma, oltre ai fianchi cinti, nel Vangelo c’è anche un altro particolare: le lampade accese. Noi sappiamo che la lampada accesa è segno della fede. In definitiva, dunque, Gesù ci chiede di vivere l’attesa del suo ritorno desti, attivi, in piedi e con una fede sempre viva.

Bene o male noi ci rendiamo conto di che cosa significhi vivere l’attesa da svegli, attenti a quello che ci capita intorno, vigilanti; il riferimento alla fede diventa, però, più complicato.

Se io vi facessi una domanda: Che cosa è la fede? Probabilmente vi metterei in difficoltà: ognuno tirerebbe fuori una sua risposta; il Catechismo c’insegna che la fede è la risposta dell’uomo a Dio che si rivela. Potremmo allora pensare che fede significa accettare quelle cose che ripeteremo tra poco nel Credo. È vero. Questa, però, è la fede in sé, la fede virtù teologale. Ma c’è anche un livello personale della fede: la mia risposta personale a Dio che si rivela; non è quindi tanto l’adesione intellettuale alle verità enunciate nel Credo, quanto una disposizione interiore.

Voi sapete che io a volte tiro fuori degli esempi banali, magari puerili, che comunque ci possano aiutare a fotografare un’idea astratta, per cercare di imprimerla meglio nella memoria. Ebbene, la fede per me, per ognuno di noi, possiamo considerarla analoga a quello che è la batteria per un’auto. Mi spiego: l’auto può essere in ordine perfetto, col serbatoio pieno, le gomme alla giusta pressione, tutti gli apparati a posto… Ma se la batteria è scarica, non vado da nessuna parte, devo solo scendere e spingerla. A quel punto che cosa devo fare? Devo andare dall’elettrauto per far ricaricare la batteria.

Io posso avere tutte le virtù di questo mondo, ma se non c’è dentro di me quel qualcosa che mi dà la scintilla per mettere in moto la mia vita spirituale, è come se non avessi niente; la fede è quel qualcosa che mi dà quella scintilla necessaria a realizzare giorno per giorno la mia vita spirituale.

Allora le due cose che Gesù ci chiede per vivere l’attesa del suo ritorno sono: essere desti, vigilanti, attenti alle cose della vita, ma anche avere dentro quella carica che ci dà la scintilla necessaria per tenere sempre accesa la lampada della fede. Il problema, dunque, è questa “ricarica”. Se per la macchina con la batteria scarica mi rivolgo all’elettrauto, quando è scarica la batteria della mia fede – e può capitare – come devo comportarmi? Che cosa devo fare?

La fede è una delle tre virtù teologali, cioè è dono di Dio. Se è un dono, va chiesta insistentemente. Ricordate, qualche domenica fa, il discorso sulla preghiera? Il brano del Vangelo si concludeva con una frase molto forte di Gesù: “Se voi che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli che ve le chiedono, quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono?”. È questa la risposta: quando io ho le batterie scariche – le batterie della fede scariche – l’unica possibilità di caricarle è invocare lo spirito Santo, chiedere a Dio il dono dello Spirito Santo, e Dio che è Padre buono, me lo concede.

In conclusione, l’attesa vigilante e fiduciosa non si improvvisa, è qualcosa che si costruisce giorno per giorno, verificando continuamente che abbiamo i fianchi cinti e la lucerna accesa, altrimenti ci sembrerà che stiamo vigilando, che stiamo aspettando il Signore che viene, ma staremo solo dormendo.

(07/08/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.