L’attesa vigile del Signore che viene

Mt 24,37-44

Iniziamo il cammino di Avvento e ormai sappiamo che è un cammino di preparazione alla venuta del Signore. Il modo in cui ci prepariamo ad accogliere questa venuta dipende da noi, dipende dal modo in cui noi affrontiamo questo tempo propizio. È quindi opportuno, all’inizio del cammino, cercare di chiarirsi le idee sul significato del tempo di Avvento, su come provare a viverlo.

Andiamo incontro al Signore. È questo l’elemento centrale, sul quale dobbiamo basare il nostro ragionamento, fissare la nostra attenzione. Non è semplicemente la commemorazione dell’evento storico della venuta del Signore, è piuttosto il nostro andare verso di lui.

Il signore viene, ci viene ripetuto continuamente in questo tempo di Avvento, e lo sentiremo dire anche in forma di invocazione: Vieni, Signore Gesù. Poi a Natale riceveremo l’annuncio che è nato per noi un Bambino, ci è stato dato un figlio. La nostra attesa, dunque, si concluderà con la presa di coscienza che è venuto per noi, “per me”, cioè per ognuno di noi.

Anche l’attesa, perciò, deve tener conto di questo particolare.

Nel brano del Vangelo abbiamo ascoltato Gesù che ci forniva alcuni elementi, spunti di riflessione su questo aspetto dell’Avvento. Egli fa riferimento al tempo del diluvio, evidenziando la netta separazione tra Noè e i suoi concittadini. Mentre lui è intento a preparare l’arca, mentre cioè si prepara ad affrontare ciò che dovrà avvenire, la vita degli altri suoi concittadini andava avanti tranquilla, impegnati com’erano nelle loro faccende quotidiane, incuranti del fatto che Noè era per loro un segno di ciò che stava per accadere.  C’era nell’aria l’attesa di qualcosa, ma quella gente non se ne curava. Poi venne il diluvio, li trovò impreparati e fu la catastrofe.

Poi c’è il secondo elemento di riflessione. Alla venuta del Figlio dell’uomo avverrà una cosa strana: due uomini lavoreranno nello stesso campo, uno verrà preso l’altro lasciato; tra due donne lavoreranno alla stessa macina, una verrà presa l’altra lasciata. Gesù vuole dirci che la sua venuta sarà un fatto che coinvolgerà personalmente ciascuno di noi. Ognuno di noi potrebbe essere “preso” o “lasciato”.

In sostanza siamo invitati a riflettere sul nostro modo di prepararci ad accogliere il Signore che viene.

Come comunità, facciamo il presepe, addobbiamo le strade, ci prepariamo in famiglia e in parrocchia a fare tante cose. Ci sarà, forse, qualcuno che continuerà a fare la vita di tutti i giorni, non sentendosi coinvolto o non volendo esserlo. Invece la preparazione alla venuta del Signore dovrebbe essere un impegno innanzi tutto personale, che mi coinvolge nel profondo nella consapevolezza che Egli “viene per me”; poi dev’essere un cammino di comunità, in cui ciascuno si senta coinvolto; non ci sia nessun escluso, che – come i concittadini di Noè – se ne stia a guardare, senza chiedersi il significato e la prospettiva di un impegno.

Prepararsi a celebrare correttamente il Natale è difficile! È più facile fare la scelta di quella gente del tempo di Noè, è più facile andare avanti come se niente fosse, come se davanti a me non ci fosse una ricorrenza storicamente fondamentale, la cui importanza esige che io la celebri con un spirito diverso: io come singolo credente e come membro di una comunità credente.

L’attesa del Natale è importante perché è importante colui del quale celebriamo la nascita nel tempo. Si richiede un’attesa vigile. Lo diciamo sempre, ogni anno, ma forse non ne abbiamo ben chiaro il significato… Quando aspettiamo la venuta di una persona importante, non solo ci diamo da fare per far sì che al suo arrivo tutto sia in ordine, noi compresi, ma lasciamo che nell’attesa sia coinvolta anche la nostra stessa persona, fisicamente direi, con un’ansia interiore che ci porti ad un continuo “affacciarsi alla finestra” – metaforico, s’intende – per scrutare la strada dalla quale l’Atteso verrà. Come sarebbe triste, vuota, un’attesa passiva, magari davanti alla tv, per ingannare il tempo, nel caso che tardi a venire…

(27.11.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.