Le anfore delle nozze di Cana

È uno dei brani più conosciuti del Vangelo di Giovanni (2,1-11), molto spesso proclamato in occasione di matrimoni. Questa particolare preferenza, però, forse non rende piena giustizia al racconto. Certo, si presta molto bene ad illustrare una verità fondamentale: quando dalla famiglia si esclude Cristo (o Dio, il che è lo stesso), si rischia facilmente di rimanere “a secco”, almeno per quanto riguarda il “vino” della grazia sacramentale. E se si esclude anche Maria (di solito, escluso Dio, è una conseguenza inevitabile) si rischia di non accorgersi nemmeno di essere “rimasti a secco”. Ma il racconto si presta anche ad altre riflessioni, e qui voglio proporne ai lettori una, un po’ strana forse, ma che spero risulti gradita.

Non serve trascrivere il racconto per intero: tutti lo conoscono… Cana in Galilea – se non fosse per l’evangelista Giovanni che la cita in quest’unico caso, non ne avremmo mai sentito parlare – è la scena del primo miracolo di Gesù. C’è un matrimonio; forse uno degli sposi è parente di Maria di Nazaret, che è tra gli invitati, e forse per questo motivo viene invitato anche Gesù, il quale si porta appresso i suoi discepoli… Qualche maligno potrebbe osservare che, con quei personaggi, per forza il vino doveva finire prima della festa! Ma lasciamo stare… Un altro particolare, più interessante, è che non viene citato Giuseppe: Questa omissione, a mio avviso, avrebbe senso solo se Giuseppe a quel tempo era già morto, per cui Maria era vedova.

I festeggiamenti per i matrimoni andavano avanti per alcuni giorni, per cui l’improvvisa mancanza di vino è una catastrofe per la famiglia dello sposo. Maria se ne accorge e chiede discretamente al Figlio di intervenire. Gesù sembra non volersi esporre, ma la Madre lo mette, in un certo senso, con le spalle al muro; dice ai servi: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Felicissima la nuova traduzione, che sostituisce quel «Fate quello che vi dirà» della precedente. Maria, in pratica, dice ai servi: Non vi meravigliate se vi farà una richiesta strana: eseguite tutto ciò che vi dirà, senza discutere.

E infatti la richiesta di Gesù è a dir poco strana: «Riempite d’acqua le anfore». Vi erano là da qualche parte – probabilmente nell’ingresso della sala – sei anfore predisposte per le abluzioni rituali richieste prima di mettersi a tavola. I servi, edotti dalle parole di Maria, eseguono. Erano anfore di pietra; riempite di ottanta o centoventi litri d’acqua, dovevano pesare un bel po’! Eseguito l’ordine di Gesù, si sentono dire che ora possono attingere e portare il contenuto al direttore del banchetto… Ma è acqua! avrebbero potuto obiettare. Calma: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela»; ed essi, obbedienti, eseguono. Il resto lo sappiamo, perciò possiamo passare alla riflessione promessa.

Gesù poteva fare il miracolo senza scomodare i servi? Certo! Ma se avesse fatto così, oggi io non starei qui a scrivere questa riflessione. Poteva fare qualsiasi cosa; ha scelto di servirsi di sei anfore piene fino all’orlo di pura acqua che ha trasformato in ottimo vino, senza neanche scomodarsi a fare un gesto qualsiasi su quei recipienti: che so, un gesto di benedizione. E invece niente…

Quelle sei anfore erano di pietra… Beate loro! Io sono di coccio. Ma il Signore non guarda all’esterno: a lui interessa quello che c’è dentro.

Quante volte mi chiede di fare qualsiasi cosa mi dice? E io, dimenticando le parole della Madre, sto lì a discutere, con la pretesa di potergli insegnare “il mestiere”! Eppure non mi chiede di fare un miracolo: mi chiede soltanto di “riempirmi d’acqua”, cioè di qualcosa che apparentemente non risolve i problemi. Alla fine – forse dopo molte sue insistenze – qualche volta obbedisco e “riempio d’acqua” la mia anfora di coccio.

Forse l’acqua non è nemmeno molto pura, ma che importa? Il miracolo deve farlo lui. Io devo solo fare qualsiasi cosa mi dirà: devo riempire d’acqua la mia anfora e aspettare che lui operi la trasformazione per la gioia di coloro che assaggeranno quell’acqua diventata vino.

Un’ultima annotazione, che però lascio a te, caro lettore, di elaborare in riflessione. Il direttore del banchetto si stupisce della bontà del vino, non sapendo da dove viene, «ma lo sapevano i servitori che avevano attinto l’acqua»…

(2/2015)