Nel suo aspetto attuale, la chiesa della Madonna delle Grazie risale alla prima metà del XIX secolo, ma abbiamo documenti che ne attestano l’esistenza fin da prima del 1550. Proprio a questo anno risale la prima citazione della nostra frazione e del suo tempio dedicato alla Vergine Maria, ma le notizie che ci vengono riferite dall’Arcivescovo di Amalfi, che vi compì una visita pastorale, non sono edificanti: l’edificio è in pessime condizioni e non vi si conservano l’Eucaristia e gli oli santi, prerogativa delle chiese parrocchiali. Solo molti anni dopo, grazie all’interessamento di due napoletani, padre e figlio, originari di questa terra, che avevano fatto fortuna a Napoli, la chiesa fu ricostruita e ampliata.

La chiesa di Nocella, dedicata alla Santa Croce, nel suo aspetto attuale risale al XIX secolo; vi è però, più in basso di questa, una cappella che anticamente doveva essere l’unica chiesa del piccolo borgo, nella quale si riunivano i fedeli per pregare e si dava sepoltura ai defunti. Con l’editto di Saint-Cloud, emanato da Napoleone agli inizi del 1800, che proibiva di continuare a seppellire i defunti nelle chiese, i fedeli di Nocella si trovarono a dover decidere se smettere di seppellire i morti in quel luogo, per potervi celebrare, oppure di costruire una nuova chiesa un po’ distange dalla prima, che avrebbe cosi potuto continuare ad accogliere i fedeli defunti di Nocella in attesa della risurezione. E così, ancora una volta, per l’interessamento di un “oriundo” che aveva fatto fortuna, negli anni ’30 del XIX secolo fu eretta la nuova chiesa, che ereditò il titolo della Santa Croce, che era stato dell’antico luogo di culto.