Leggere la Parola alla luce degli eventi

1Sam 3,3b-10.19; Gv 1,35-42

Chissà se tra le pecorelle che il Signore mi ha affidato ce n’è qualcuna che qualche volta si è chiesta: «A che serve la predica?». Probabilmente sì, solo che poi magari, non riuscendo a trovare una risposta positiva, una motivazione valida, non c’è stato il passo successivo, quello di chiedere il senso della predica, più propriamente: dell’omelia. Lo scopo essenziale dell’omelia non è quello di dare una spiegazione delle letture; essa dovrebbe servire a fare un’operazione apparentemente facile ma che non lo è sempre: far comprendere ai fedeli che la Parola di Dio, proclamata durante la celebrazione, che di solito è stata scritta nella migliore delle ipotesi circa 2000 anni fa, è ancora oggi utile per insegnare, correggere, formare le coscienze d coloro che l’ascoltano qui e oggi. È come una nuova incarnazione della Parola nell’oggi della comunità credente; si chiama “attualizzazione”.

È facile capire che un’operazione del genere non è sempre facile. A volte, però, sembra che lo Spirito Santo ci si metta d’impegno a facilitarci il compito. È l caso delle letture di oggi in relazione ad alcuni eventi terribili che la cronaca degli ultimi giorni ci ha fatto conoscere.

In varie occasioni, nelle ultime settimane, gruppi di ragazzini hanno mandato all’ospedale dei loro coetanei, senza nessun motivo apparente, solo per sfogare un’assurda violenza.

Dopo aver ascoltato la cronaca di questi fatti, siamo venuti in chiesa e la Liturgia della Parola ci ha raccontato due episodi. Nel primo abbiamo ascoltato l’avventura di un ragazzo, che doveva avere circa la stessa età di quei ragazzi di cui ci hanno parlato le cronache attuali. La madre di Samuele non poteva avere figli, allora fece voto che, se Dio le avesse concesso un figlio maschio, lei lo avrebbe consacrato al Signore. Dio le concesse il figlio desiderato e lei, quando il bambino compì 12 anni, lo affidò al sacerdote Eli. A questo punto inizia il racconto che abbiamo ascoltato nella prima lettura.

Samuele non aveva ancora nessuna esperienza di contatti con il Signore, né tantomeno aveva mai avvertito le sue ispirazioni. Perciò, quando nella notte, si sente chiamare per nome, pensa che sia Eli a chiamarlo; corre da lui, ma non è stato Eli. Questo fatto si ripete per tre volte; alla fine Eli comprende che cosa sta succedendo: è Dio che chiama il ragazzo. Allora vi dà un suggerimento: Se ti si chiamerà ancora, tu non correre da me; resta dove sei e rispondi solamente: Parla, Signore, il tuo servo di ascolta. Il suggerimento del maestro fa sì che Samuele diventi un grande profeta, una guida ispirata del popolo d’Israele.

Nel Vangelo abbiamo incontrato ancora una volta Giovanni Battista, che ha con sé due discepoli; si tratta di Andrea, fratello di Simon Pietro, e di Giovanni. Sono due giovani che hanno scelto di seguire il Battista come loro maestro. Un giorno, sulla riva del Giordano, Giovanni Battista vede arrivare Gesù e lo indica a questi due discepoli dicendo: «Ecco l’Agnello di Dio!». Sentendo questa presentazione, Andrea e Giovanni lasciano il loro maestro e si mettono a seguire Gesù. Quando Gesù si vede seguito da questi due, chiede loro: «Che cercate?». Forse non si aspettavano una domanda del genere o forse cercavano proprio di scoprire dove Abitasse; sta di fatto che rispondono: «Maestro, dove dimori?». E Gesù li invita a casa sua: «Venite e vedrete». Poi Andrea farà conoscere Gesù al fratello Simone.

Un aggancio, purtroppo negativo, con gli eventi che ho ricordato all’inizio, possiamo trovarlo partendo da una domanda, che penso molti di noi si saranno posti di fronte a questi fatti terribili: Cosa è mancato a questi ragazzi perché si comportino così?

Possiamo pensare che si comportano così perché non hanno alle loro spalle, nella loro storia di ragazzi, una famiglia degna di questo nome, forse non sono andati a scuola o non sono stati seguiti a dovere, forse… tante altre motivazioni possibili. Ma, alla luce delle letture che abbiamo ascoltato, penso che forse è mancata loro una presenza autorevole che gli abbia indicato la strada giusta, qualcuno che abbia saputo dare alla loro vita un indirizzo valido, come Eli per Samuele e Giovanni Battista per Andrea e Giovanni.

Abbandonati a sé stessi, hanno trovato soltanto persone che gli hanno indicato una via sbagliata; magari qualcuno gli ha messo addirittura nelle mani un’arma. Se è così, come possiamo illuderci che possano fare qualcosa di diverso da quello che fanno? Forse li prenderanno, quelli che hanno più di 14 anni li potranno mettere in un carcere minorile, ma quando usciranno avranno completato la loro formazione di delinquenti.

Nella loro vita, nella loro infanzia, nella loro adolescenza non hanno trovato una guida che desse loro delle indicazioni positive. Questo dovrebbe aprirci gli occhi, dirci che una parola buona nei confronti delle nuove generazioni non è mai sprecata, un’indicazione positiva, un tentativo di metterli sulla strada giusta non è mai inutile, perché prima o poi, da queste cose, come da un seme piantato lì da qualche parte, qualcosa spunterà; il giorno in cui gli dovesse venire la tentazione di fare una sciocchezza, potrebbero ricordarsi di quella persona che una volta gli ha dato loro un’indicazione, gli ha detto qualcosa di positivo, ha cercato di metterli sulla strada giusta. Il problema è forse che né quei ragazzi né i loro genitori né le persone che avevano in qualche modo una responsabilità formativa nei loro confronti, sono mai passati per una chiesa, hanno mai sentito o letto quelle parole che ci sono state proclamate oggi.

(14.01.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.