Li amò fino alla fine

(Messa della Cena del Signore, 2018)

In questa sera del Giovedì Santo siamo invitati a  ricordare tre doni che il Signore ci ha fatto prima di affrontare la passione e la morte: il dono del suo corpo e del suo sangue, il dono del servizio vicendevole nella carità e quello del ministero ordinato, cioè del sacerdozio. Tutto è concentrato in una sera e in vista della Pasqua ebraica.

Attraverso le letture che abbiamo ascoltato cerchiamo di comprendere quello che siamo chiamati a celebrare.

Nella prima lettura abbiamo ascoltato le istruzioni contenute nella legge di Mosè per la celebrazione della Pasqua. Si iniziava il decimo giorno del primo mese dell’anno, il mese di Nisan, con la scelta dell’agnello pasquale che sarebbe stato sacrificato al tramonto del quattordicesimo giorno.

Nella seconda lettura, san Paolo racconta ai Corinzi l’istituzione dell’Eucaristia. Egli non era presente all’ultima cena, per cui non è un testimone oculare di quello che riferisce, ma dichiara di averlo ricevuto dal Signore stesso.

Nel Vangelo, Giovanni ci racconta quello che avvenne la sera in cui Gesù decise di celebrare la Pasqua con i suoi discepoli. Ci saremmo aspettati il racconto dell’istituzione dell’Eucaristia, invece Giovanni, distinguendosi dagli altri evangelisti, ci riferisce l’episodio della lavanda dei piedi.

Il racconto è preceduto da un’introduzione molto importante. «Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta l’ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine».

Gesù, dunque, era consapevole del fatto che era giunta la sua ora, e questa consapevolezza potrebbe averlo spinto ad anticipare la celebrazione della Pasqua. L’evangelista, infatti, ci dà un’indicazione di tempo fondamentale: «Prima della festa di Pasqua…». Non è, quindi, il 14 di Nisan, ma probabilmente il giorno prima. Gesù, infatti, secondo la cronologia del Vangelo di Giovanni, morì nel pomeriggio del giorno in cui venivano immolati gli agnelli pasquali, appunto il quattordicesimo giorno del primo mese, quello in cui, a sera, si celebrava la Pasqua.

Perché Gesù anticipa la cena pasquale? Il motivo profondo di questa decisione sarebbe da individuare nel fatto che, «avendo amato i suoi…, li amò fino alla fine». Egli era consapevole del fatto che gli eventi stavano precipitando; di lì a poche ore sarebbe stato arrestato… Pressato dall’amore per i suoi, avrebbe preso la decisione di anticipare la cena pasquale per realizzare al più presto ciò che aveva intenzione di fare: dimostrare loro di amarli «fino alla fine».

Troviamo un’idea simile nel Vangelo di Luca, dove leggiamo che Gesù, mettendosi a tavola con i discepoli, disse loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi…» (Lc 22,15). Si avverte in Gesù l’ansia di fare al più presto qualcosa di decisivo, appunto quello che Giovanni esprime con le parole: «Li amò fino alla fine». Ma che cosa ci vogliono dire queste parole?

Potrebbero voler dire “fino all’ultimo istante della sua vita”, oppure “fino all’estremo, fino al massimo possibile”. Gesù, infatti, aveva detto che «nessuno ha un amore più grande di colui che dà la vita per i suoi amici». Possiamo, dunque, interpretare quelle parole di Giovanni nel senso che Gesù ha amato i suoi fino a dare la vita per loro. E non sarebbe sbagliato, ma sarebbe forse ancora poco.

Per noi, l’atto eroico di dare la vita per gli amici porterebbe con sé l’inevitabile conseguenza di privarli per sempre della nostra presenza, del calore della nostra amicizia. Gesù, per non lasciarli soli, s’inventa qualcosa di straordinario: consegna loro un dono e un compito.

Il dono è quello che ci viene descritto da Paolo: «Vi trasmetto quello che a mia volta ho ricevuto». Prima di dare la sua vita sulla croce, anzi in un certo senso anticipando la sua immolazione fisica, Gesù consegna sé stesso, il suo corpo e il suo sangue, ai discepoli, e affida loro il compito di perpetuare la memoria di questo suo dono: «Fate questo in memoria di me». Pur donando la vita per loro, trova il modo di non lasciarli soli, di rimanere con loro per sempre.

Da questo dono ne deriva un altro: il servizio di coloro che dovranno attuare concretamente, per la comunità e nella comunità, il comando di Gesù; è il dono del ministero ordinato, di coloro che vengono scelti e chiamati per celebrare nei secoli il memoriale della Pasqua del Signore.

Ma torniamo al Vangelo. Giovanni inserisce nel contesto dell’ultima cena il gesto di Gesù di lavare i piedi ai discepoli. Dopo aver compiuto quel gesto, Gesù dice: «Se io ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri». Come non leggere in queste parole un comando identico all’altro: «Fate questo in memoria di me»?

Avendo amato i suoi, Gesù decide di amarli fino al massimo possibile, consegnando loro il dono del suo corpo e del suo sangue e l’esempio del servizio reciproco. Facendo quello che lui ha fatto in quella sera, cioè “lavandosi i piedi” gli uni gli altri, i discepoli di tutti i tempi renderanno presente in mezzo a loro il Maestro.

Dopo duemila anni, noi siamo qui stasera per fare memoria di questo dono che Gesù ci ha lasciato come testamento perenne. Al termine di questa celebrazione dovremmo uscire da questa chiesa con gli stessi sentimenti con cui i discepoli uscirono dal Cenacolo, con la consapevolezza, cioè, di aver ricevuto dal Signore un grande dono, il dono del suo corpo e del suo sangue, e il compito di metterci al servizio gli uni degli altri.

I discepoli furono sempre ben consapevoli di questo compito che aveva affidato loro il Maestro, quasi come un testamento, «prima di passare da questo mondo al Padre», e lo tramandarono ai loro discepoli, come un testimone, perché, di anno in anno, arrivasse fino a noi.

È doveroso, dunque, per noi, che stasera ci facciamo due domande: Come custodiamo questo insegnamento? E come lo mettiamo in pratica?

Noi, infatti, siamo gli eredi dei discepoli, che ci hanno trasmesso quello che hanno ricevuto. In tutta umiltà dobbiamo riconoscere che troppe volte siamo eredi smemorati: perdiamo di vista il significato profondo di quello che celebriamo, se mai lo percepiamo.

Sapendo questo, la Chiesa ci fa ripetere stasera, insieme al memoriale del corpo e del sangue di Gesù e unito ad esso, il ricordo del gesto trasmessoci da Giovanni.

Il parroco, chiamato, senza suo merito, al ministero ordinato, è solo un umile e indegno esecutore dei riti, che ci trasmettono la realtà di ciò che rappresentano; i gesti e le parole di questa celebrazione dovrebbero diventare in qualche modo, per noi, “sacramento”, cioè segno efficace della grazia.

I segni che voi vedete sono quelli di sempre, e corrono il rischio di scivolarci addosso come acqua sulla roccia, a meno che non facciamo un salto di qualità, cercando di penetrare nel senso profondo dei gesti e delle parole.

Ancora una volta, stasera laverò i piedi ad alcuni membri della comunità. Essi non rappresentano i dodici apostoli, ma ognuno di voi. La scelta, come già altre volte, non è stata casuale: sono persone di età diverse, che svolgono un servizio nella comunità, nel caso specifico nella liturgia e nella catechesi.

La parolina magica l’avete sentita: svolgono un servizio. Non per sé stessi o per il parroco, ma per la comunità. Grazie a Dio, non sono i soli: ce ne sono altri; ma, stando a quello che ci ha insegnato il nostro Maestro e Signore, tutti i battezzati dovrebbero mettere i loro doni, i carismi ricevuti, al servizio della comunità. Perciò c’è sempre da sperare e pregare che siano ogni giorno di più quelli che accettano di donare un po’ del loro tempo al servizio della comunità.

Quelli che lo fanno sono forse più santi degli altri? No. Sono solo persone che hanno capito la lezione del Maestro e cercano, pur con tutti i limiti dell’umana natura, di fare del loro meglio per mettere in pratica l’esempio che egli, prima di passare da questo mondo al Padre, ha consegnato a tutti i suoi discepoli.

Voglia il Signore Gesù edificare sempre questa comunità attraverso il dono dell’Eucaristia e il servizio ai fratelli. Amen.

(29.03.2018)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.