Lo Spirito Santo nel tempo della Chiesa

At 2,1-11; Gv 20,19-23

Il giorno di Pentecoste inizia il tempo della Chiesa. Per essa Gesù Cristo, suo fondatore, ha dato la vita ed ha affidato a Pietro l’onore e l’onere di guidarla come suo vicario. Lo Spirito Santo promesso fa il suo ingresso nella vita dei discepoli, ai quali è stato mandato perché possano custodire, approfondire e trasmettere la Verità che Cristo ha loro affidato.

Ma chi è lo Spirito Santo? La prima risposta, ovvia, non può essere che questa: È la terza Persona della SS. Trinità, “uguale al Padre e al Figlio nella maestà divina, con i quali condivide l’unica natura divina, pur essendo distinto dal Padre e dal Figlio” (cfr Prefazio della SS. Trinità).

Con un po’ di fantasia, Dio Padre ce lo raffiguriamo come un vecchio con la barba bianca: non abbiamo a disposizione niente di meglio per esprimere l’eternità di Dio, il fatto cioè che esiste da prima della creazione del mondo, pur sapendo che Dio è spirito e quindi non ha un corpo materiale, né giovane né vecchio. Il Figlio, Verbo eterno del Padre, che ha voluto incarnarsi nel grembo della Vergine Maria, proprio perché ha assunto un corpo umano, possiamo raffigurarcelo neonato, bambino, ragazzo e giovane adulto. Il suo volto possiamo forse vederlo raffigurato nell’uomo della Sindone. Ma lo Spirito Santo, sotto questo aspetto, ci crea qualche problema: nei Vangeli abbiamo solo due descrizioni di questa terza Persona della SS. Trinità; una colomba, forma in cui apparve durante l battesimo di Gesù al Giordano, e le lingue di fuoco, come fu visto nel Cenacolo il giorno di Pentecoste; entrambe le raffigurazioni sono, però, limitate, in considerazione del fatto che stiamo parlando di una Persona divina; sono comunque utili a noi che, essendo fatti di spirito e materia, abbiamo bisogno di immagini per raffigurarci la realtà divina; sono perciò accettabili a condizione di non dimenticare mai che, comunque, lo Spirito Santo non è una colomba né una lingua di fuoco. Ma, al di là delle immagini con cui ce lo raffiguriamo, resta intatta la domanda iniziale: Chi è lo Spirito Santo?

Nel prometterlo ai discepoli, Gesù usa un’espressione significativa: «Pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paraclito perché rimanda con voi per sempre» (Gv 14,16).

Paraclito… È un termine usato solo nel Vangelo di Giovanni e in 1Gv 2,1, dove viene attribuito a Gesù: «… abbiamo un Paraclito presso il Padre: Gesù Cristo il giusto». Indica “colui che intercede, colui che assiste”; volendo usare un’espressione di più vicino alla nostra mentalità moderna, potremmo tradurlo con “avvocato difensore”.

Gesù dice: «… un altro Paraclito… », in qualche modo confermando l’idea che troviamo in 1Gv 2. Anche Gesù, dunque, è un “Paraclito”: preparando i discepoli alla sua ascensione al cielo, promette loro che manderà «un altro Paraclito», cioè «lo Spirito della verità» (Gv 14,17). Il termine, dunque, indica una “funzione” dello Spirito Santo analoga a quella esercitata da Gesù nei tre anni di vita pubblica con i suoi discepoli.

Nella Bibbia il termine che traduciamo con “spirito” (pneuma) significa “aria”, o meglio: aria in movimento, vento, soffio… Ricordiamo il racconto dell’episodio di Pentecoste: «Venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano» (At 2,2). Se questo è vero, se lo Spirito è aria, vento, allora abbiamo un modo – anche questo certamente limitato, parziale, ma forse più valido di altre immagini – per raffigurarcelo…

Tutti quanti noi, indistintamente, in questo istante, stiamo facendo una cosa: stiamo respirando. Lo facciamo da quando siamo venuti al mondo e continueremo a farlo fino a quando non emetteremo l’ultimo respiro. Lo facciamo automaticamente, senza rendercene conto: introduciamo dentro i polmoni dell’aria e la tiriamo fuori. Questa cosa che facciamo automaticamente possiamo prenderla a immagine dell’azione dello Spirito Santo nella Chiesa: egli è aria, vento spirituale, è il respiro della Chiesa e della nostra anima. Dovremmo respirare automaticamente lo Spirito Santo, come respiriamo l’aria, ma non senza rendercene conto; egli è il respiro nella nostra vita spirituale, il respiro della nostra anima.

Sapendo bene che cosa significhi per noi respirare l’aria che ci circonda, nella quale siamo immersi pur senza vederla, possiamo comprendere un po’ meglio a che serve lo Spirito Santo, quest’aria spirituale necessaria per la vita della nostra anima, e non solo per la nostra anima, ma per la vita di tutta la Chiesa, perché – giova ripetercelo continuamente – lo Spirito Santo è l’anima della Chiesa. Ebbene: a che cosa serve?

Il libro degli Atti degli Apostoli ci narra gli eventi che si verificarono il giorno di Pentecoste, dopo  che lo Spirito, come un vento impetuoso, ha invaso il Cenacolo e coloro che vi si erano rinchiusi per timore… I discepoli escono per le strade di Gerusalemme e cominciano ad annunziare il Vangelo. Il caso vuole che in quel giorno – una festa importante per gli Ebrei perché ricordava il dono della legge – in città c’erano molti convertiti all’ebraismo, provenienti dalle regioni circostanti; il racconto ne fa anche un elenco: Parti, Medi. Elamiti, abitanti della Mesopotamia… Questi fedeli che stavano a Gerusalemme per la festa di Pentecoste, parlavano ognuno la lingue nel luogo da dove proveniva. Ma qui succede qualcosa di strano: quando i discepoli escono dal Cenacolo e cominciano a parlare, tutti coloro che ascoltano si rendono conto di capire quello che essi dicono. E si chiedono l’un l’altro: Che è successo? Come mai li sentiamo parlare ciascuno nella propria lingua delle grandi opere di Dio?

Il primo dono che lo Spirito Santo ha fatto alla Chiesa è la molteplicità delle lingue, cioè la capacità di annunziare il Vangelo in tutte le lingue del mondo. È la fine della confusione, dell’incomprensione di Babele…

Ma l’apostolo Paolo ci indica un altro dono: Se non ci fosse lo Spirito, noi non potremmo nemmeno dire «Gesù è il Signore» (cfr 1Cor 12,3). Che cosa significa? Vuol dire che senza lo Spirito Santo noi non potremmo riconoscere in Gesù il Signore, non potremmo elevare a Dio la nostra preghiera; è lo Spirito che ci rende capaci di annunciare la Parola ed è sempre lo Spirito che ci consente di rivolgerci a Dio chiamandolo “Padre”.

Ma c’è ancora di più! Dopo la risurrezione, apparendo ai discepoli, “Gesù consegna loro lo Spirito” e affida loro un mandato: «A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati» (Gv 20,23). Questo vuol dire che con lo Spirito Santo la Chiesa ha ricevuto la potestà di celebrare i sacramenti, sintetizzati nel sacramento del perdono.

Tutto questo fa lo Spirito Santo, quest’anima della Chiesa, quest’aria spirituale che è il respiro della nostra anima, ma che, nella vita di molti cristiani, sembra essere solo “la ruota di scorta”: qualcosa di cui ci si dimentica fino al momento in cui, per qualche circostanza eccezionale, se ne scopre l’esigenza.

(04.06.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*