Lode della scaltrezza

Lc 16,1-13

Abbiamo ascoltato una parabola che potremmo tranquillamente definire, a prima vista, scandalosa; ma cerchiamo di capire che cosa veramente Gesù vuole dirci. Innanzitutto egli parla ai suoi discepoli – l’evangelista ci tiene a precisarlo –, per cui la parabola è un insegnamento per i suoi discepoli, per quelli di allora e per quelli di oggi.

Il racconto l’abbiamo sentito e capito. Quell’amministratore disonesto, quando si sente mancare il terreno sotto i piedi perché prevede un licenziamento, pensa di correre ai ripari: cerca di procurarsi qualche amico che lo accolga una volta che sarà stato licenziato. Ma questo stratagemma lo usa a spese del padrone, per cui imbroglia e ruba ancora di più. Eppure il padrone lo loda… E se questo fosse un racconto tratto dalle cronache mondane, potrebbe anche sembrare quasi normale; ma siamo difronte a una parabola, e sappiamo che il “padrone” è Dio! Come è possibile che Dio lodi un comportamento così disonesto? Non solo l’amministratore non dà segni di pentimento per le sue malefatte, ma rincara la dose, truffando il suo datore di lavoro anche dopo che è stato scoperto! Ebbene, è il caso di dire che il trucco c’è e si vede…

Ciò che viene fatto oggetto di lode non è la disonestà nell’amministrare i beni del suo padrone, ma – è proprio il caso dio dirlo – la scaltrezza nell’amministrare il proprio futuro. L’Evangelista lo sottolinea: l’amministratore resta disonesto e viene indicato con questo appellativo, ma viene lodato per la sua scaltrezza. Gesù precisa meglio questo particolare quando, nella seconda parte del brano evangelico, fa alcune affermazioni fondamentali.

«Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta…», che non è solo quella frutto di imbrogli, ma anche quella accumulata onestamente, che però tende ad “indurci in tentazione”, ad allontanarci dal nostro vero bene che è Dio. La chiave di tutto il brano, infatti, sta nella conclusione: «Non potete servire Dio e la ricchezza». Questa, pur restando in sé disonesta, dev’essere un mezzo, non il fine; un mezzo per fare del bene, per acquisire meriti davanti a Dio… per farsi degli “amici” «che vi accolgano nelle dimore eterne».

Ma non è finita! Se non si è fedeli, accorti, “furbi”, nella ricchezza disonesta – nel senso detto prima – come possiamo sperare che ci verrà affidata quella vera? La ricchezza vera sono i beni spirituali “nei quali speriamo e crediamo con amore di figli”.

Così assume un significato preciso quella strana affermazione: I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. È un pressante invito ai “figli della luce” ad attivarsi, a non accontentarsi di una vita spirituale mediocre, ma a mettere in campo la propria astuzia nel conseguire il bene, servendosi anche di quella ricchezza “disonesta” come di un mezzo e non come di un fine, non facendosi, come “i figli di questo mondo”, servi di essa.

(18/9/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*