L’umiltà nella preghiera

Sir 35,15b-17.20-22a; Lc 18,9-14

Possiamo agganciare la nostra riflessione a quelle che abbiamo fatto nelle due ultime domeniche. Il tema è sempre quello della preghiera, con diverse sfumature. Quindici giorni fa il lebbroso guarito tornava da Gesù a rendere lode per la sua guarigione; questo ci voleva suggerire l’esigenza di rendere grazie a Dio per i suoi benefici. Domenica scorsa la vedova che insistentemente si rivolgeva al giudice per ottenere giustizia ci ricordava l’esigenza di pregare sempre senza stancarsi. Oggi l’Evangelista sottolinea, come già domenica scorsa, il motivo per cui Gesù racconta questa parabola: per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri.

Due uomini salgono al tempio a pregare. Ognuno di loro, ovviamente, prega a modo suo. Quello che Gesù ci vuole insegnare, in continuità con il discorso delle domeniche precedenti, è con quale spirito bisogna pregare. L’etichetta che viene messa addosso a questi due è fondamentale: uno è un fariseo, un puro, attento alla perfetta osservanza della legge, uno che osserva tutte le regole e le prescrizioni; l’altro è un pubblicano, cioè la spazzatura morale del paese di Giuda. Il primo non fa una vera e propria preghiera: presenta a Dio una lista dei suoi meriti, come per dire: Vedi come ti devi mettere, perché devi darmi qualcosa in cambio. L’altro, l’abbiamo sentito, non ha nemmeno il coraggio di alzare gli occhi al cielo; a testa bassa dice soltanto: Abbi pietà di me peccatore.

La conclusione di Gesù ci dice quale delle due cosiddette preghiere viene ascoltata: il pubblicano, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato.

Questo ci dice che è importante pregare, è doveroso ringraziare Dio con la preghiera, con il rendimento di grazie; bisogna pregare insistentemente, senza stancarsi… Ma lo spirito col quale pregare è fondamentale.

Nella prima lettura, il Siracide ci ha detto che la preghiera degli umili penetra le nubi, per cui lo spirito col quale pregare è lo spirito di umiltà; non come quel fariseo, che presentando a Dio i suoi meriti, pretende quasi che Dio lo ringrazi, ma come quel pubblicano che, riconoscendosi indegno perfino di alzare gli occhi verso il cielo, chiede semplicemente misericordia perché peccatore.

Per noi, di fronte a questa parabola. si richiede un esame di coscienza, una valutazione dell’atteggiamento che noi teniamo nei confronti di Dio nella preghiera. Spero che non ci sia nessuno tra noi che faccia preghiere come quella del fariseo. Noi sappiamo bene che se anche potessimo vantarci davanti a Dio di aver fatto qualcosa di buono, siamo convinti che tutto ciò che siamo e tutto ciò che abbiamo è merito di Dio, puro dono di Dio, per cui ci tocca solamente ringraziarlo. Ma anche quando preghiamo in maniera, diciamo così, più diretta, nel senso che bussiamo al cuore di Dio per chiedergli qualcosa, per presentargli le nostre difficoltà, anche in questi casi la nostra preghiera deve partire dalla consapevolezza che davanti a Dio non abbiamo nessun diritto da far valere. La preghiera del pubblicano vuole dirci proprio questo: Io ho sbagliato perfino a venire qui – sembra dire quell’uomo – non doveva nemmeno entrarci nel tempio, perché sono un peccatore; non ho diritto di venire alla tua presenza, però tu abbi pietà di me peccatore.

È questo lo spirito che rende la preghiera così vera, così profonda, così santa da poter arrivare al trono di Dio. Quando pensiamo di far leva su una presunta giustizia o perfezione, su presunti meriti con i quali speriamo di avvalorare la nostra preghiera, abbiamo sbagliato tutto. L’unico spirito valido che rende la preghiera capace di innalzarsi verso Dio, di penetrare le nubi, come dice il Siracide, è lo spirito di umiltà. Perciò quando l’Evangelista dice che Gesù racconta questa parabola per coloro che avevano l’intima presunzione di essere giusti, dobbiamo farci un esame di coscienza ed entrare nella preghiera con l’atteggiamento giusto. Dobbiamo renderci conto innanzitutto che, come il pubblicano, non avremmo nemmeno diritto di pregare Dio; lo preghiamo semplicemente perché lo Spirito che è dentro di noi ci sollecita, e noi, pur essendo consapevoli dei nostri limiti facciamo appello alla sua misericordia.

Anche il nostro stare in chiesa, anche del nostro partecipare alla messa che – ve lo ricordo: lo dicemmo quindici giorni fa – è il modo e l’occasione per rendere grazie a Dio, come persone e come comunità, per i suoi benefici, deve assumere questa forma. È proprio per questo – io spero che ce ne siamo sempre resi conto – che iniziamo questa celebrazione con l’atto penitenziale; in esso facciamo quello che ha fatto il pubblicano. diciamo a Dio che noi non dovremmo nemmeno stare qui, ma riconoscendo la nostra miseria speriamo che lui ci accolga per poter celebrare degnamente questo sacrificio di ringraziamento.

(23.10.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*