Naaman il siro

Era il comandante dell’esercito del re di Aram (cfr 2Re 5,1ss), un uomo molto potente e benvoluto dal suo re; ma quest’uomo era malato di lebbra. Giunse alle orecchie del re di Aram una voce secondo la quale nella terra d’Israele c’era un uomo che avrebbe potuto liberare Naaman dalla lebbra. Subito il re mandò il suo comandante dal re d’Israele con abbondanti doni e una lettera nella quale gli chiedeva di guarire Naaman. Ma il re d’Israele, riconoscendosi non in grado di esaudire tale richiesta, la interpretò come tentativo di cercare una scusa per far guerra. Quando la cosa giunse alle orecchie del profeta Eliseo, questi mandò a dire al re di dirottare da lui Naaman e il suo seguito. E così il prode comandante dell’esercito di Aram arrivò a Samaria, dove il profeta abitava.

Lungo la strada, Naaman cercava di immaginare come si sarebbe svolto l’incontro: «Certo, verrà fuori e, stando in piedi, invocherà il nome del Signore, suo Dio, agiterà la sua mano verso la parte malata e toglierà la lebbra»… Invece Eliseo non si scomodò neanche ad uscire di casa: gli mandò un messaggero per dirgli: «Va’, bagnati sette volte nel Giordano: il tuo corpo ti ritornerà sano e sarai purificato». Questo comportamento indispettì Naaman, che decise di tornarsene al suo paese. Ma i suoi servi gli fecero notare che non era saggio fare il risentito: «Se il profeta ti avesse ordinato una gran cosa, non l’avresti forse eseguita? Tanto più ora che ti ha detto: “Bagnati e sarai purificato”». E così l’illustre personaggio acconsentì a seguire le indicazioni di Eliseo e fu guarito dalla lebbra.

Naaman era uno straniero e un pagano (come quella donna siro fenicia che chiese a Gesù di guarire la sua figlioletta, ricordate?). Si aspettava che il profeta avrebbe celebrato chissà quale rito magico su di lui per sconfiggere la malattia, e invece quello gli disse semplicemente di andare a farsi un bagno nel Giordano! C’era bisogno di un così lungo viaggio? Nel suo paese non c’erano fiumi, anche migliori del Giordano?…

A volte ci stupiamo del fatto che Dio possa agire per vie semplici, addirittura banali. Diamo importanza o chiediamo che si attuino dei riti ai quali attribuiamo un potere magico per sé stessi, tanto che, se non si svolgono come ci aspettavamo, dubitiamo della loro efficacia. Ci sono persone che si sottopongono a grandi sacrifici, anche economici, già appagati da gesti e parole di sedicenti maghi e fattucchiere, nella speranza di “vedere il miracolo”. E quanto più gli costa (non solo in termini economici) tanto più sembra credibile, apre il cuore alla speranza…Tutto ciò avviene voltando le spalle ad altri gesti e parole che diventano “segni efficaci” non per virtù propria, bensì per la potenza di Colui che attraverso di essi opera. Ci attacchiamo alle cose materiali, convinti che in esse risieda una virtù capace di operare prodigi. Questo atteggiamento da qualche parte viene detto “superstizione”…

Ma la storia di Naaman è istruttiva anche sotto un altro aspetto. Dopo essere stato purificato dalla lebbra, egli offrì al profeta i doni che aveva portato con sé, ma Eliseo li rifiutò con decisione; allora egli chiese di poter portare al suo paese una certa quantità della terra di Samaria, affermando che solo su quella terra voleva offrire sacrifici al Dio d’Israele. Prima di partire, però, chiese preventivamente scusa al profeta se, per esigenze di servizio nei confronti del suo re, avrebbe dovuto continuare a compiere atti di culto verso le divinità del suo popolo.

Questo comportamento mi fa pensare a quella storiella del tizio che, entrando in una chiesa, accende una candela davanti alla statua di San Michele, poi si avvia all’uscita; fatti pochi passi, si ferma, torna indietro e accende un’altra candela per quello che il santo Arcangelo tiene sotto i piedi (il diavolo in forma di serpente): «Non si sa mai…», pensa in cuor suo, e se ne torna a casa rassicurato.

(4/2015)