Nel segno della benedizione

Nm 6,22-27; Lc 2,16-21

Quelli di voi che come me hanno qualche anno in più ricorderanno che una volta, tanto tempo fa, in questo giorno si celebrava una festa diversa; si celebrava la Circoncisione del Signore, l’episodio che abbiamo sentito raccontare nell’ultimo ultima parte del Vangelo di oggi: dopo otto giorni dalla nascita del Bambino, gli fu imposto nome Gesù, come era stato detto dall’angelo il giorno dell’annunciazione. È un particolare che sembra secondario perché relegato in un solo versetto del Vangelo, invece è fondamentale.

Per gli Ebrei, e per i popoli antichi in generale, il nome era una cosa importante perché esprimeva la realtà, la sostanza, potremmo dire “la vocazione” della persona che lo portava. Nel caso di Gesù, il nome significa “Dio salva” ed esprime la missione, il compito che gli era affidato: salvare il suo popolo.

Anche nella prima lettura si parla di nome. Dio dà a Mosè, e attraverso di lui al sacerdote Aronne e ai suoi discendenti, il compito di benedire il popolo con una benedizione particolare; poi dice: Con questa benedizione Aronne porrà il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò.

Con la benedizione si poneva il nome di Dio sul popolo, si invocava – ottenendola – la protezione di Dio sul popolo.

Oggi, primo giorno dell’anno civile, la Chiesa, attraverso questo tema della liturgia, vuole dirci che anche noi riceviamo, come una benedizione, l’invocazione del nome di Dio su di noi. Nome di Dio che è anche il nome di Gesù Cristo Salvatore dell’uomo.

Quando noi diamo il nome ai nostri bambini, in genere facciamo tutta una serie di ragionamenti: gli diamo il nome del nonno o di un parente prossimo, oppure scegliamo un nome di fantasia, che qualche volta è talmente di fantasia che non capisce da dove viene preso; comunque sono cose secondarie, perché per noi il nome ha perso la sua vera valenza, sostanziale per la persona.

Ci sarebbe forse da discutere sull’idea antica secondo cui il nome esprime l’identità profonda della persona… Il mio nome, Raffaele, significa “medicina di Dio”; volendo trovarci un riferimento simbolico, potrei pensare al fatto che ho bisogno di tante medicine, perché sarebbe inverosimile aspettarsi da me che io guarisca qualcuno, come l’arcangelo Raffaele. E non è nemmeno il caso di approfondire il fatto che il nome “Giosuè” ha lo stesso significato di “Gesù”… Oggi, l’idea di un significato profondo del nome è passata di moda. Ma attenzione: quando non parliamo del “mio nome” ma del nome di Dio o del nome di Gesù Cristo, allora dobbiamo alzare le mani, perché lì ci troviamo di fronte a qualcosa che esprime una realtà vera, profonda: Gesù viene indicato dall’angelo come colui che salverà il suo popolo dai suoi peccati, e realmente egli salva il suo popolo dai suoi peccati. Quindi l’invocazione del nome di Gesù su di noi ha un suo valore teologico, è sostanzialmente una benedizione.

Che cosa significa “benedizione”? Questo termine forse l’abbiamo svalutato, perché pensiamo che benedire significhi gettare un po’ d’acqua santa addosso ad una persona o a un oggetto, che così poi diventa “santo”. Non è questo. Benedire significa “dire il bene”, “augurare il bene”.

Ovviamente gli auguri di bene, finché ce li facciamo tra di noi – quanti auguri ci facciamo in questi giorni! – in genere lasciano il tempo che trovano: abbiamo voglia di augurarci vita e salute… Possiamo augurarcele, sempre sperando che Dio ci ascolti e ci doni quello che noi ci auguriamo. Ma questo vale se l’augurio ce lo facciamo con riferimento a lui, cioè come se dicessimo: Auguri di buon anno, cioè, tradotto: Auguri che Dio ti sia favorevole per tutto l’anno, donandoti vita, salute, gioia, benessere, eccetera.

La Chiesa oggi vuole farci capire proprio questo. È per questo che all’inizio del nuovo anno civile ci propone il tema del nome di Dio come augurio non basato sulle nostre povere persone, bensì sulla potenza di quel Nome, che viene invocato su di noi, tra l’altro, quando partecipiamo alla messa.

Ieri sera abbiamo ringraziato Dio per l’anno che si è chiuso, stasera lo ringraziamo per il nuovo anno che è iniziato e che lui ci ha donato. Lo viviamo come dono questo i 2017?… Proprio se lo viviamo e lo accogliamo come dono, insieme con esso ci viene donata anche la benedizione del Signore. Questo significa che, in qualche modo, il Signore si impegna a darci la sua protezione, a porre il suo nome su di noi.

Evidentemente noi possiamo avere tutta la la protezione di questo mondo, ma se non ne vogliamo sapere di Dio e della sua benedizione, l’anno sarà una catastrofe che lo sono stati gli anni da qualche tempo in qua. Ma perché questo?

La prima notizia che stamattina ho sentito dai mezzi di comunicazione, è stata quella di un attentato in Turchia: più di 30 morti, un sacco di feriti, paura, sgomento e così via… Ho pensato: ci siamo fatta la croce! Ma se questo è quello che il mondo in senso biblico, cioè il mondo del peccato, anche se è una valutazione generica, ci propone, dobbiamo farci consapevoli che certa gente certe cose le fa nel nome di Dio, e questo dovrebbe preoccuparci. Allora dobbiamo veramente pregare perché – secondo le parole della benedizione di Aronne – il Signore ci benedica, faccia risplendere il suo volto su di noi e ci doni pace, in breve: perché ponga il suo nome su tutti quanti noi e ci converta. La vera benedizione, infatti, è quella che scende in un cuore disposto alla conversione, un cuore che vuole comportarsi come dovrebbe comportarsi chi ha ricevuto in dono il nome di Dio.

E allora facciamoci tutti gli auguri di buon anno, ma facciamoli partire dal profondo del cuore,  facciamoceli invocando reciprocamente, ognuno sugli altri, la benedizione del Signore. Che il Signore ci imponga il suo nome e che questo nome noi siamo in grado, e vogliamo, e riusciamo a tenerlo alto ogni giorno della nostra vita, in ognuno di questi 364 giorni che abbiamo davanti, perché così a fine anno, quando torneremo a ringraziare il Signore per l’anno che sarà passato, lo faremo forse con uno spirito diverso e saremo disposti in modo diverso, più profondo, a capire il senso di quel nome che costantemente viene invocato su di noi. Dal giorno del nostro battesimo in poi – ricordate? Siamo stati battezzati nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, cioè nel nome della Santissima Trinità, nel nome di Dio – quella protezione, che il nome di Dio ci garantisce, ha bisogno della nostra collaborazione; possiamo avere addosso il nome di Dio, il nome di Gesù Cristo, di Maria e di tutti i santi, ma se dentro di noi, nel nostro cuore c’è qualcosa che non funziona, qualsiasi benedizione non serve a niente.

Allora: tanti auguri di buon anno nel Signore. Che il Nome del Signore ci accompagni in questo anno e ci renda meritevoli del dono di questo anno nuovo e di tutto il bene che ci auguriamo a vicenda: pace, gioia, salute… tutto quello che volete voi, ma sempre nel nome di Dio Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

(01.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.