Noi nel deserto

La Quaresima ci riporta ai quaranta giorni trascorsi da Gesù nel deserto. Questa esperienza il Maestro la visse all’inizio della sua vita pubblica, subito dopo aver ricevuto il battesimo da Giovanni, ma a noi la liturgia la propone in preparazione alla Pasqua come tempo propizio di conversione. Ciò vuol dire che in quell’esperienza del nostro Maestro possiamo trovare stimoli per migliorare il nostro essere cristiani, in modo da celebrare degnamente la Pasqua di Risurrezione.

Il racconto dei quaranta giorni di Gesù nel deserto ci viene tramandato dai Vangeli sinottici, ma solo Matteo e Luca ci riferiscono l’episodio delle tentazioni, mentre Marco se la cava con appena due versetti, riferendoci solo la durata dell’esperienza, appunto quaranta giorni.

Gesù se ne va da solo nel deserto e, «dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame» (Mt 4,2). Qui ha inizio l’avventura delle tentazioni.

Il diavolo forse contava di prendere Gesù sulla stanchezza: da solo per tutto quel tempo, senza mangiare… Va be’ che è Figlio di Dio, ma è anche vero uomo! E la prima tentazione riguarda proprio “lo stomaco”: «Di’ che queste pietre diventino pane». Gesù sarà pure stanco e affamato, ma non ha dimenticato la Parola. «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».

Forse s’illudeva che il tentatore avrebbe desistito? Neanche per sogno! Il diavolo lo porta sul punto più alto del Tempio e torna alla carica. La seconda tentazione riguarda direttamente Dio Padre, come per dire: Ti ha lasciato solo quaranta giorni in quel luogo inospitale. Prova un po’ a verificare che non si sia distratto, non si sia dimenticato del suo “Figlio prediletto”. «Gettati giù; sta scritto infatti» che manderà i suoi angeli perché tu non ti faccia male. Sorpresa: il diavolo conosce e cita le Scritture!… Ancora una volta la Parola smaschera il subdolo tentativo: «Sta scritto anche: Non metterai alla prova il Signore tuo Dio».

Il diavolo, però, è testardo. Prende Gesù e lo porta ancora più in alto, «su un monte altissimo», mostrandogli tutti i regni della terra e, come se fosse il padrone del mondo, gli promette che tutto sarà suo se si prostrerà davanti a lui e lo adorerà. Ma Gesù gli risponde ancora una volta con la forza della Parola: «Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto».

Le prime due sconfitte dovevano averlo ridotto proprio male, povero diavolo! Pensare che Gesù potesse prostrarsi dinanzi a lui e adorarlo! Forse non sapeva con chi aveva a che fare?… Altroché se lo sapeva! Ma queste cose sono state scritte per nostro ammaestramento.

Le condizioni psico-fisiche di Gesù dopo quei quaranta giorni erano molto debilitate. Quando siamo noi in quelle condizioni, quando “siamo a terra”, la tentazione ha gioco facile: noi non siamo Gesù e non abbiamo molta dimestichezza con la Parola per affrontare la tentazione come ha fatto lui. Così può succedere che il diavolo non deve disturbarsi ad arrivare al terzo tentativo per averla vinta; ci mette a terra subito, e proprio con la più banale delle tentazioni: i bisogni materiali.

E vediamole un po’ più da vicino quelle tentazioni, in relazione a noi, s’intende.

Quando siamo giù di morale, nel tentativo di sollevarci, ci aggrappiamo alle cose che ci “riempiono lo stomaco”, le cose che ci danno un piacere, una gratificazione materiale. Mai che pensassimo di trovare sollievo e conforto in «ogni parola che esce dalla bocca di Dio»!

Forse riusciamo a “riempire lo stomaco”, ma non trovando il sollievo che cercavamo, pensiamo che Dio ci abbia abbandonati; e allora ci ribelliamo: «Dio non c’è, è assente, distratto; non pensa a me. Devo fare un gesto eclatante per richiamare la sua attenzione… Dio, se ci sei, batti un colpo!». Ma Dio non ci risponde, perché «sta scritto anche: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».

Convinti dal suo silenzio che egli è lontano da noi, o che ci eravamo sbagliati a pensare che gli importasse di noi, ci rivolgiamo alle cose del mondo, a quelle cose che possono farci diventare, in qualche modo, dei “padreterni”, piccoli, forse, ma sempre meglio di quella sensazione di vuoto che ci fa sentire peggio che se fossimo in un deserto. E questa è la vera vittoria del tentatore: dopo averci fatto intravedere cose meravigliose, ci lascia con un pugno di mosche in mano…

Non dev’essere un caso che Ba’al-zebub (da cui il nostro Belzebù) significa “signore delle mosche”.

(3/2015)