Occupare l’ultimo posto

(Lc 14,1.7-14)

Il Vangelo di questa domenica ci presenta due lezioni di comportamento, direi di galateo, da parte di Gesù in relazione a un pranzo: come partecipare e come preparare un pranzo; però è chiaro che Gesù non vuole darci lezioni di galateo; quello che dice, ovviamente, vale anche in questo senso, ma a Gesù interessa qualcos’altro. Noi sappiamo che nei Vangeli, nelle parabole di Gesù, il pranzo, il banchetto è un elemento simbolico, sta a indicare l’assemblea, la comunità dei credenti radunata intorno alla mensa del regno; noi qui stasera siamo stati invitati e stiamo partecipando a un banchetto, il banchetto eucaristico, per cui le cose che Gesù dice in riferimento al banchetto al quale concretamente stava partecipando, noi dobbiamo leggerle in questa prospettiva.

Nel primo racconto Gesù raccomanda agli invitati di non correre ad occupare i primi posti. Noi già sappiamo che questo, se non è stato preordinato da colui che ci ha invitato, potrebbe essere anche un segno di cattiva educazione, ma Gesù lo mette su un altro piano, più serio per il suo impatto sociale: lo mette sul piano della figuraccia che faremmo se il padrone di casa avesse invitato qualcuno più importante di noi, e quindi più meritevole di occupare il primo posto; ci verrebbe a chiedere di spostarci indietro, e noi, con vergogna, dovremmo andare ad occupare l’ultimo posto.

Chiediamoci che cosa significa questo in relazione al simbolo, cioè al banchetto del Regno.  Pensiamo a una persona che decide di andare ad occupare il primo posto, che cosa la spinge a fare una cosa del genere? Se è convinto di essere un mezzo Padreterno, allora, per carità, alziamo tutti quanti le mani. Ma è difficile essere realmente un mezzo Padreterno. Ma chi decide di andare ad occupare il primo posto, in fondo al cuore sente che quasi quasi gli tocca; quindi si crede in diritto di occupare il primo posto. Qual è, dunque, l’elemento che spinge qual è? È la presunzione, ciò che ci fa ritenere noi stessi più di quanto valiamo, quella cioè di ci fa fare una valutazione di noi stessi scriteriata. Quando è così, ci sta bene la lezione di umiltà: viene il padrone di casa e dice: Per favore, cedi il posto a questo signore che è più importante di te. Attenzione! Al di là del simbolo, nella realtà dell’assemblea comunitaria il rischio non si pone. Prendetela come una battuta: volesse il cielo che tutti corressero ad occupare i primi posti! Ci sono delle volte in cui i primi 3 o 4 banchi rimangono vuoti per tutta la celebrazione. Gerarchicamente parlando, i primi posti sono quelli più vicini all’altare. È evidente, però, che in chiesa non c’è primo o ultimo posto in termini di meriti acquisiti o presunti. qui “primo” e “ultimo” indica lo stato d’animo col quale dovremmo venire in chiesa, col quale dovremmo partecipare alla mensa eucaristica; lo stato d’animo è quello dell’umiltà, non della presunzione. Io vado a messa e in cuor mio mi sento un pezzo grosso, qualcuno al quale il Signore deve inchinarsi e dire: Ti ringrazio di aver partecipato, di avermi fatto l’onore di partecipare al mio banchetto! Saremmo completamente fuori dalla grazia di Dio.

Il primo elemento, dunque è questo: Gesù ci insegna che, per partecipare alla sua mensa, dobbiamo rivestirci di sentimenti di umiltà.

Poi c’è l’altro racconto, quello che Gesù rivolge direttamente al padrone di casa che lo ha invitato. Gesù gli dice, un po’ sfacciatamente: Quando prepari un pranzo, non invitare i grossi papaveri, quei pezzi grossi che sai già che poi, per disobbligarsi, ti inviteranno a loro volta e la relazione tra voi diventerà un giro vizioso di inviti a pranzo. Invece – conclude Gesù – quando prepari un pranzo, invita zoppi, ciechi, sordi…, i più poveri, insomma; quelli che non hanno niente, chi non potrebbe mai invitati a pranzo, ricambiare il tuo gesto con un altrettanto importante invito. Questo sapete che cosa ci dice, in relazione al segno? Ci dice che non dobbiamo fare differenze tra una prima e una seconda e una terza categoria di persone che partecipano alla messa: tutti siamo invitati allo stesso modo. Allora possiamo anche immaginare… non lo facciamo, ma immaginiamoci di farlo… possiamo anche pensare, vedendo entrare una persona particolare: È tanto tempo che non viene a messa, chissà quante ce n’ha sulla coscienza; e si è andata a mettere al primo banco! E quell’altra, ma non si vergogna di venire in chiesa? Noi invece, che siamo quei mezzi Padreterni di cui ho detto prima, siamo gli unici ad aver diritto di partecipare.

Io credo che il modo migliore per evitare il rimprovero di Gesù quando partecipiamo alla messa, sia quello che abbiamo sentito nel primo racconto: applicare, anche se non concretamente occupando un determinato posto, il criterio di chi sa di essere l’ultimo degli invitati; quindi magari vado a mettermi anche al primo banco, perché non vedo bene o non sento bene, e allora, volendo vedere e sentire bene, mi metto al primo banco, però dentro di me sono convinto che dovrei stare non solo all’ultimo banco ma magari fuori della porta, perché non sarei degno nemmeno di entrare in chiesa. Se io mi metto in questo atteggiamento, trovo anche il modo, la disponibilità, la coerenza per rendermi conto che gli altri, che con me stanno partecipando al banchetto eucaristico, sono migliori di me. Questo discorso – lo dico per evitare malintesi – vale anche per me che sto al primo posto e ci devo stare per il servizio che sono chiamato a svolgere; ma questo non significa che io sia il migliore; forse ho più peccati addosso della maggior parte di voi; questo, però, non significa niente, perché ognuno di noi, nella partecipazione alla mensa del Signore, occupa il primo posto; il primo posto davanti a Dio è il posto di chi si accetta per quello che è.

E qui permettetemi di fare solo un accenno a qualcosa che forse ho già detto una volta, per capire il vero significato di quello che c’è sotto questi due racconti. Che cos’è l’umiltà, con la quale dovremmo partecipare e dovremmo accogliere gli altri che con noi partecipano alla mensa eucaristica? Forse qualcuno ha l’idea che umiltà significhi abbassarsi, presentarsi davanti agli altri come l’ultima ruota del carro, come una pezza da piedi… No. La vera umiltà è quella che ci porta ad avere la giusta valutazione di noi stessi. Giusta valutazione di noi stessi significa che, se io mi considero mezzo Padreterno, ma in realtà sono mezzo qualche altra cosa… non me lo fate dire…, allora la mia umiltà è andata a farsi benedire. Ma se io sono consapevole dei miei limiti, ma riconosco pure che per grazia di Dio forse sono qualcosa, allora sì che ho capito cos’è l’umiltà. In definitiva umiltà significa riconoscere ciò che siamo, ma riconoscere che tutto ciò che siamo e tutto ciò che abbiamo è opera di Dio, non è opera nostra. Se siamo qualcosa, se abbiamo qualcosa, tutto è merito, è opera, è grazia di Dio. Questa è la vera umiltà, che ci mette in condizione di riconoscere negli altri l’opera di Dio, che a volte è più importante di quella che viene compiuta in noi.

(28/8/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*