«Perché avete paura?»

Leggendo alcuni racconti dei Vangeli che ci descrivono il comportamento di Gesù verso i suoi discepoli, mi viene il sospetto che egli qualche volta ci si diverta un po’: una vena di sana ironia, insomma, che porta comunque a impartire un insegnamento ai discepoli di allora e a quelli di sempre. È il caso del miracolo della tempesta sedata (Mc 4,35-41).

Sul lago di Tiberiade si scatenavano facilmente delle tempeste che altrettanto facilmente poi si calmavano. Almeno alcuni dei compagni di traversata di Gesù, essendo pescatori, dovevano saperlo bene e soprattutto dovevano sapere come potersela cavare… Invece si fanno prendere dal terrore. E intanto Gesù se la dorme beatamente a poppa della barca… Di fronte a questo particolare, non posso fare a meno di pensare – con tutto il dovuto rispetto – che in realtà Gesù se la ridesse sotto i baffi, aspettando il momento in cui si sarebbero decisi a svegliarlo, per chiedergli aiuto. A quel punto il Maestro avrebbe potuto impartire la sua lezione, che i discepoli difficilmente avrebbero dimenticato. E infatti: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». E Gesù si sveglia (ma forse faceva solo finta di dormire) e “sale in cattedra”: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». Le due domande sono retoriche: sa bene che hanno paura perché non hanno fede; e la dimostrazione la danno quando, dopo che Gesù ha calmato la furia degli elementi, si chiedono: «Chi è dunque costui, che anche il mare e il vento gli obbediscono?». Non realizzano ancora quale sia la vera portata di ciò che è successo: sono frastornati. Ma da qualche parte nelle loro menti quell’episodio si stampa in modo indelebile; sarà poi lo Spirito Santo a far sì che possano elaborarlo e tramandarlo affinché sia d’insegnamento alle future generazioni di discepoli, a noi.

Perché anche noi spesso ci troviamo coinvolti in una tempesta, avvertiamo il pericolo che incombe. In quel momento la nostra bravura, il nostro sangue freddo svaniscono; ci sembra che anche quel Dio in cui avevamo creduto ci abbia abbandonati: forse è distratto, forse “dorme”… Spontaneamente una domanda si affaccia alla nostra mente, forse affiora sulle nostre labbra: «Non t’importa che sono perduto?». Potrebbe sembrare una bestemmia, e forse “tecnicamente” lo è, ma lui sa che è la disperazione che parla per noi. Perché lui è lì, anche se sembra lontano, anche se sembra che dorma… È con noi, “sulla stessa barca”, si è messo “nei nostri panni” perché possiamo sentirlo vicino e, stringendoci a lui, affrontare insieme, con rinnovato vigore, tutte le tempeste della vita.

(7/2015)