Provvidenza della potatura

 

At 9,26-31; Gv 15,1-8

Gesù parla spesso di viti e di vigne: è un’immagine che ricorre continuamente nei Vangeli o per l’invito a lavorare nella sua vigna oppure per il significato simbolico che la esse hanno nel suo insegnamento. Oggi troviamo due riferimenti particolari: il tralcio può portare frutto solo se è unito alla vite, ma poi c’è anche il rovescio della medaglia: perché il tralcio possa portare un frutto migliore il contadino lo pota.

La vite è Cristo; la vite è la comunità dei credenti. Questo secondo aspetto, che potrebbe sembrare forzato, in qualche modo lo ritroviamo nel racconto degli Atti degli Apostoli: Paolo, dopo l’esperienza di Damasco e la conversione, cerca di trovare accoglienza nella comunità dei discepoli; come dirà nella Lettera ai Galati, questo tentativo aveva lo scopo di evitargli «di aver corso invano»: si rendeva conto che solo essendo pienamente inserito nella comunità di coloro che «erano apostoli prima di lui» avrebbe potuto svolgere la missione che aveva ricevuto dal Risorto. Cristo, dunque, è la vera vite, ma anche la comunità, in qualche modo è la vite attraverso la quale arriva ai tralci quel flusso di grazia che rende possibile portare un buon frutto. I discepoli, però, non si fidano molto: lo conoscono come un persecutore feroce. Grazie all’intervento di Barnaba, però, viene accolto e trova nel gruppo il suo spazio.

Se  un tralcio non rimane unito alla vite, non può portare frutto. Se dovesse decidere di staccarsi da essa, di prendersi la sua autonomia, di essere “indipendente”, potrebbe sembrare un nobile intento, però non otterrebbe altro che l’aridità.

C’è un bellissimo racconto di Bruno Ferrero, teoricamente fatto per i ragazzi, ma che può essere utile a tutti. Parla di una foglia che si stacca dall’albero e, mentre cade per terra, prova l’ebbrezza della libertà: finalmente non è più costretta a restare attaccata al ramo; ma una volta caduta a terra, cominciano i problemi: il caldo, il sole, la mancanza del nutrimento che gli arrivava attraverso il ramo, cominciano a far sentire i loro effetti: inaridisce, secca e muore. È un racconto che esprime bene il senso dell’insegnamento di Gesù: il tralcio che non rimane attaccato alla vite, quasi per rivendicare una sua pretesa libertà, il desiderio di vivere una “vita sua”, indipendente dalla vita della comunità, si condanna a non portare frutto, all’aridità.

Ma c’è il rovescio della medaglia. Un intralcio che, rimanendo attaccato alla vite, porta frutto, e un buon frutto, dev’essere disposto alla potatura, a qualche taglio che il contadino gli praticherà perché possa portare un frutto migliore. Il dettaglio della potatura è un gesto che significa sofferenza per il tralcio; a nessuno fa piacere ricevere qualche taglio, magari spirituale, qualche sofferenza, qualche prova… Queste cose, nei piani di Dio, servono a rafforzarci interiormente, a far sì che possiamo portare dei buoni frutti.

La conclusione quale può essere? Conviene sempre e comunque rimanere uniti alla vite che è Cristo, alla vite che è la comunità, perché è l’unico modo per ricevere il flusso di grazia che viene dal lui. Ma anche rimanendo uniti alla vite, non dobbiamo poi pensare che, siccome facciamo piacere dal Padreterno, lui ci debba dispensare dai tagli della potatura; quanto più siamo disponibili a portare frutto, tanto più la potatura diventa importante, perché è solo attraverso quella prova che acquistiamo maggior forza per portare migliori frutti.

(29.04.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*