«Riposatevi un po’»

Il brano evangelico di domenica 19 luglio (Mc 6,30-34) era in piena sintonia con il periodo estivo e il clima torrido che imperversava. Così, vuoi per colpa del caldo o per chissà quale scherzo dello Spirito Santo, ho pensato di ricavarne una riflessione alquanto “interessata”, qualcosa del tipo «Cicero pro domo sua», che possiamo tradurre con «Cicerone in difesa dei suoi interessi» (cfr. ‘o Pertuso, n. 126 pag. 13). Una riflessione adeguata al periodo vacanziero.

Nel brano della domenica precedente ci veniva raccontato di Gesù che, dopo aver fatto ai Dodici delle raccomandazioni di metodo, li invia, a due a due, ad annunciare il regno di Dio e a guarire i malati. La domenica successiva abbiamo letto il seguito della storia: i Dodici, terminata la loro missione, tornano da Gesù, si radunano intorno a lui e gli riferiscono «tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato». Ma la folla preme, al punto che essi «non avevano neanche il tempo di mangiare». E qui si rivela lo straordinario atteggiamento amorevole del Maestro verso i suoi discepoli. Percepisce il loro entusiasmo, ma anche la stanchezza derivante dall’aver portato a termine una missione pesante, e dice loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Cos’altro potrebbero essere queste parole se non la proposta di una “vacanza”? In disparte, da soli con lui, in un luogo deserto, per riposarsi un po’…

Quanti operatori parrocchiali, dopo un anno pastorale intenso, non amerebbero sentirsi dire qualcosa del genere dal loro “pastore”? E quanti “pastori” non amerebbero sentirsi dire le stesse cose dal loro Vescovo?… Sì, magari “da soli” ma non con lui, sennò che riposo sarebbe?…

Che sogno! Chiudere “bottega” per un mese, andarsene da qualche parte a ritemprare il corpo e lo spirito… Naturalmente per la gloria di Dio e il bene delle anime!… Perché poi si tornerebbe al lavoro più “carichi”…

E non sarebbe un sogno perverso, da prete disamorato. Il Codice di Diritto Canonico stabilisce che: «A meno che non sussista un motivo grave, il parroco può assentarsi ogni anno dalla parrocchia per ferie al massimo per un mese […]; in questo tempo delle ferie non vengono computati i giorni che il parroco dedica una volta all’anno al ritiro spirituale» (can. 533 §2). Peccato che non sia data la possibilità di cumulare le ferie non godute! In ventisei anni di ministero avrei accumulato ben due anni… E le catechiste? Forse un anno sabbatico riuscirebbero a metterlo insieme…

Ipotesi alquanto problematica, certo, e non solo per la reazione del Vescovo. A chi potrebbe affidare le pecorelle del gregge?

Lo stesso brano sembra suggerire una soluzione. Quando Gesù e i discepoli scendono dalla barca, nel luogo scelto per la “vacanza”, si trovano dinanzi quella stessa folla che avevano lasciato dall’altra parte. E qui entra in gioco Gesù: «Ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose». Non vorrei sembrare troppo cattivo, ma credo proprio che, nel cambio, quella folla ci abbia guadagnato… Verrebbe da dire: «Gesù, pensaci tu!».

Non ci fate caso: è colpa del caldo!… Però, se ogni tanto facessimo nostra un po’ dell’amorevolezza di Gesù, non sarebbe male, anzi.

(8/2015)