Servi inutili

Ab 1,2-3; 2,2-4. Lc 17,5-10.

Al centro della liturgia della parola di questa domenica c’è la richiesta degli apostoli a Gesù: «Accresci in noi la fede», e c’è la risposta di Gesù, che è quasi un rimprovero: «Se aveste fede quanto un granellino di senape potreste fare miracoli».

Il nocciolo di tutta la questione è la fede, la fede che vacilla. Perché è vero che la fede è dono di Dio e quindi bisogna continuamente chiederla e bisogna coltivarla, ma poi ci sono le crisi…

Nella prima lettura il profeta Abacuc ci dà un esempio che potrebbe essere stato preso dalle cronache dei nostri giorni. Si lamenta con Dio, il profeta, perché vede intorno a sé tanto male, violenza, corruzione, e non vede uno sbocco a questa situazione di degrado sociale. Dio gli risponde: «Scrivi la visione, incidila profondamente sulle tavolette, perché certamente si realizzerà». Qual è questa visione? «L’empio soccomberà, mentre il giusto vivrà per la sua fede».

Anche noi facciamo continuamente l’esperienza del disorientamento di fronte al male, alla cattiveria, al degrado sociale che c’è intorno a noi; ogni giorno se ne sente qualcuna nuova, di corruzione, delitti e tante altre cose negative. E noi, come il profeta Abacuc, potremmo dire a Dio: Ma insomma, fai qualcosa! Perché ci dev’essere tutto questo? Perché noi t’invochiamo contro queste cose, ma rimane sempre tutto tale e quale, se non peggio?

La risposta di Dio ad Abacuc è valida ancora oggi: c’è una realtà che deve concretizzarsi, che deve realizzarsi, e questa realtà è che il giusto vivrà per la sua fede ma l’empio soccomberà. Quando, non lo sappiamo. E qui entra in gioco la fede. Perché solo la fede può garantirci che alla fine il bene trionferà. Quella fede che gli apostoli chiedevano a Gesù di accrescere per affrontare le difficoltà, la realtà di un mondo che sembrava andare in sfacelo.

Oggi forse è peggio di allora, perché oggi con una società così varia, così diversa per mentalità e per orientamenti a tutti i livelli, si sente maggiormente la difficoltà dell’esistenza del male, pesa di più: la violenza, la corruzione, e tutta la spazzatura morale che dilaga. Basta ascoltare qualche telegiornale per renderci conto alla fine, che abbiamo ascoltato solo brutte notizie, non c’è stata nessuna notizia che infondesse speranza, serenità.

Il mondo di oggi sembra peggio del mondo del tempo di Abacuc e il disorientamento degli apostoli, che chiedono a Gesù di accrescere la loro fede, è anche il nostro disorientamento.  Dovrebbe essere anche il nostro disorientamento. Anche noi dovremmo provare le sensazioni di Abacuc e degli apostoli e chiedere al Signore di accrescere la nostra fede. Di fronte alle difficoltà, alle cattiverie, a tutto il male che dilaga nel mondo, dovremmo dire al Signore: Aiutaci ad aver fede, aiutaci ad andare avanti nonostante tutto.

Andare avanti, perché? La tentazione che qualche volta tocca qualche nostro fratello nel mondo di oggi, è proprio la perdita della fede: di fronte a tante cose brutte, smettono di sperare, irnunciano a combattere la buona battaglia della fede… Non c’è niente, tutto finisce in questa vita, quindi è inutile pregare, è inutile credere, perché la realtà è questa: il male è destinato a trionfare.

Quando Dio dice ad Abacuc che l’empio soccomberà mentre il giusto vivrà per la sua fede, vuol dire proprio questo: dobbiamo fare un salto di qualità, fondando la nostra fede sulla parola di Dio che ci ha garantito che alla fine il bene trionferà.

Per fare questo, però, dobbiamo tener presente quella specie di parabola che Gesù dice dopo aver rimproverato i suoi. Nessun servo può aspettarsi dal padrone che lo serva, che si metta al suo posto; il compito del servo è quello di servire, la sua condizione è quella di fare ciò che deve fare e alla fine, dopo aver fatto tutto quello che gli era stato detto di fare, dovrà dire semplicemente: Sono un servo inutile, perché non ho fatto niente di eccezionale.

Che cosa si aspetta il Signore da noi, suoi servi? Ciò che il Signore, ciò che Dio si aspetta da noi è che lavoriamo per la costruzione del suo regno, nonostante le difficoltà, nonostante che ci siano intorno a noi situazioni che ci porterebbero a dire piuttosto: Ma chi me lo fa fare? A che serve lottare, lavorare, pregare per la venuta del regno? A che serve, se il male sembra trionfare, se sembra averla vinta sempre e che vada sempre peggio?

La fede è ciò che ci sostiene, ci aiuta a credere profondamente che quella visione che Dio dice al profeta di scrivere su una tavoletta, è profondamente vera ancora oggi: l’empio soccomberà un giorno, e il giusto vivrà grazie alla sua fede. Allora a noi tocca soltanto vivere in questa fede, in questa fede lavorare per la costruzione del regno di Dio, che – ce lo ricorda qualche volta la liturgia – è regno di verità e di vita, regno di santità e di grazia, regno di giustizia, di amore e di pace. Ma sta nelle nostre mani, è affidato a noi, che alla fine siamo soltanto servi inutili, se non facciamo altro che quello che il Signore ci ha chiesto di fare.

Domenica 2 ottobre 2016, XXVII del T.O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*