Te Deum laudamus

Lc 2,16-21

Il tema centrale di questa celebrazione del 31 dicembre è il ringraziamento. Siamo qui per dire grazie al Signore per questo anno che si chiude, per le cose che in questo arco di tempo ci ha donato sul piano della natura e della grazia.

Dalle nostre parti si dice che chi ringrazia si libera dall’obbligo che può aver contratto verso colui al quale rivolge il suo “grazie”. Se fosse questo il senso del nostro ringraziamento a Dio, non solo sarebbe ben poca cosa, ma avrebbe anche “un sapore” poco gradevole. Noi siamo qui per ringraziare Dio, ben consapevoli che è per noi un dovere dire “grazie”, non come di sudditi nei confronti del “padrone”, bensì come figli nei confronti del Padre buono e grande nell’amore. Ma siamo anche consapevoli che il nostro ringraziamento non è utile a Dio, ma a noi. Ce lo dice la liturgia: «Dio non ha bisogno della nostra lode, ma per un dono del suo amore ci chiama a rendergli grazie; i nostri inni di benedizione non accrescono la sua grandezza, ma ci ottengono la grazia che ci salva» (cfr Messale, Prefazio comune IV). Dire grazie a Dio per i suoi benefici, dunque, non giova a Dio ma a noi. In che modo questo può avvenire?

Certo, molto dipende dallo spirito con cui diciamo il nostro “grazie”, ed anche dal contesto nel quale facciamo questo gesto di filiale devozione. Qui siamo nel contesto liturgico della Divina Maternità di Maria, un contesto che può suggerirci una risposta, un utile spunto di riflessione sull’utilità per noi di ringraziare Dio e di trarre giovamento da questo gesto.

Abbiamo ascoltato, nel Vangelo, il racconto dell’adorazione dei pastori al Bambino nato da poco. Alla gente che si è radunata per l’evento, essi riferiscono quello che era stato detto loro dagli angeli a proposito di quel Bambino. Tutti i presenti rimangono stupiti dalle loro parole. In particolare l’Evangelista annota l’atteggiamento di Maria, che «da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore».

Possiamo pensare che Maria non abbia ringraziato Dio per quanto aveva fatto in lei? L’aveva già fatto sei mesi prima, con il suo “Magnificat”, e certamente l’ha fatto in seguito, per ogni tappa di quella vicenda straordinaria della quale il Padre l’aveva voluta protagonista. Adesso apprendiamo che, dinanzi a tutte quelle vicende, molte per lei incomprensibili, Maria «custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore».

Penso che questo sia l’atteggiamento giusto di ogni figlio che vuole veramente ringraziare il Padre per i doni che ha ricevuto dalla sua infinita misericordia.

Questo anno che stiamo per lasciarci alle spalle ha avuto certamente per noi dei momenti tristi e dei momenti lieti, delle zone d’ombra e delle zone di luce sfolgorante. Forse la nostra umana fragilità ci porterebbe a cancellare dalla mente e dal cuore i primi conservando i secondo. L’atteggiamento della Vergine Madre ci suggerisce di far tesoro di tutto: di custodire nel cuore tutte le cose che hanno caratterizzato la nostra vita nell’anno che si chiude; custodirle per meditare su di esse e per trarne insegnamento, per ringraziare ancora – e non solo in questa sera di fine anno – Dio che, attraverso le vicende liete e tristi della vita, ci aiuta a crescere nella fede e nell’amore verso di lui e verso i fratelli.

(31.12.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*