Testimoni credibili

1Cor 1,10-13.17; Mt 4,12-23

Il Vangelo ci dà alcune indicazioni sull’inizio del ministero di Gesù. Abbiamo visto che era stato battezzato da Giovanni nel Giordano ed era stato consacrato dallo Spirito Santo per la missione che doveva compiere. Adesso questa missione ha inizio. Gesù lascia Nazareth, la città dove aveva vissuto fino a quel momento, e si stabilisce a Cafarnao, che diventa in qualche modo la base operativa del suo ministero. I primi atti che egli compie sono particolarmente significativi.

Chiama alcuni a seguirlo – Pietro e Andrea, Giacomo e Giovanni; poi ne chiamerà anche altri – e comincia a predicare. Qual è il tema della sua predicazione? L’invito a convertirsi, perché il Regno dei Cieli è vicino.

Se ricordiamo quello che abbiamo detto nelle scorse domeniche, a partire dalla festa del  Battesimo di Gesù, dovremmo arrivare alla conclusione che il Vangelo di questa domenica in qualche modo ci indica il modello di quella che dovrebbe essere la missione di ogni cristiano, di ogni battezzato. Abbiamo detto, nelle domeniche scorse, che anche noi, nel battesimo, siamo stati consacrati per una missione e che questa missione consiste nell’annunziare il regno di Dio, il Vangelo, nel luogo concreto nel quale siamo chiamati a vivere.

Gesù sceglie un luogo concreto, Cafarnao, per iniziare la sua predicazione; si sceglie dei collaboratori che stiano con lui, che ascoltino le sue parole per poter poi anche loro annunziare le stesse cose nel mondo, quando lui avrà concluso la sua missione… Tutte queste cosa fanno riferimento anche a ciascuno di noi, sono l’esempio di quello che ogni battezzato dovrebbe essere: annunciatore del Vangelo, di ciò che Gesù Cristo ha detto e ha fatto, nel luogo nel quale è chiamato a vivere. Questo c’impone degli elementi di programmazione per la nostra vita cristiana.

Non dobbiamo pensare che il battesimo ci abiliti a una missione lontana; pensiamo ai missionari che vanno a evangelizzare popoli lontani, ai quali non è stato ancora annunziato il Vangelo; siccome questo non ci è possibile, ce ne possiamo lavare le mani: ci sono loro che vanno, loro che annunziano, che continuano la missione di Gesù…

Abbiamo detto tante volte che, come battezzati, noi siamo chiamati ad annunziare il Vangelo nel nostro spazio vitale. Forse non l’abbiamo scelto noi di vivere in questo spazio geografico concreto, oppure è stata una nostra scelta, come nel caso di Gesù che si stabilisce a Cafarnao, ma comunque in questo spazio concreto siamo chiamati ad essere annunziatori, testimoni del Vangelo; e non perché abbiamo ricevuto una consacrazione speciale, quindi siamo preti monaci o suore, ma perché siamo battezzati: l’unica semplice ragione è che siamo battezzati. Avendo ricevuto la consacrazione battesimale, siamo chiamati ad essere annunziatori nel Vangelo nel luogo concreto nel quale viviamo. E questo si realizza – ecco il significato della chiamata dei discepoli – questo si realizza in una comunità. Non siamo dei singoli, che hanno scelto di fare gli eremiti per annunziare in questa veste il Vangelo; noi siamo annunziatori del Vangelo, testimoni della salvezza, nello spazio concreto di una comunità.

Questo in qualche modo ci richiama quella difficoltà che ci ha evidenziato San Paolo nella seconda lettura. Già ai suoi tempi si manifestava un problema, che purtroppo, dopo duemila, anni esiste ancora. Che cosa rimprovera San Paolo ai suoi cristiani? «Sento dire che qualcuno di voi dice “io sono di Paolo”, “io sono di Cefa”, “io sono di Apollo”…». Cioè le fazioni all’interno della comunità. Vogliamo dirlo più terra terra? Sono le simpatie per questo o quell’annunziatore della Parola, per questo o quel – perdonate – prete. «Ma forse – dice Paolo – è stato Paolo che è morto per voi? È stato Cefa che vi ha battezzati? O è stato Apollo che vi ha annunziato il Vangelo? Pietro è morto per voi?… Voi siete discepoli non di Pietro, di Paolo, di Apollo: siete discepoli di Cristo».

Questo ci dice che il primo elemento perché la nostra testimonianza sia credibile, sia vera, sia fruttuosa, è che parta da una comunità unita.

L’annuncio della Parola in un luogo concreto nasce dalla nostra consacrazione battesimale e si realizza in una comunità unita che annunzia il Vangelo, annunzia la salvezza; sono questi gli unici elementi che dovrebbero caratterizzare la missione che ci è stata affidata nel battesimo; sono questi gli unici elementi che dovrebbero caratterizzare la testimonianza di una comunità credente, concretamente di una comunità parrocchiale.

La prima testimonianza che noi possiamo dare al mondo della nostra fede battesimale è proprio l’unità. E non pensiamo subito – attenzione, perché noi siamo bravi a rivoltare la frittata – non pensiamo subito, siccome siamo nell’ottavario di preghiera per l’unità dei cristiani, che la Chiesa deve testimoniare la propria fede nell’unità di tutte le chiese. Sì, questo è vero, ma potrebbe significare per noi che allora noi non c’entriamo: la nostra piccola comunità non c’entra, mica è chiamata a fare qualcosa di eccezionale. No! Perché se l’unità non parte dalle piccole realtà, la Chiesa universale non sarà mai unita. Come possiamo pensare che possono mettersi d’accordo i “capi”, i Pastori, se il gregge è diviso? Hai voglia di lavorare, hai voglia di pregare per l’unità dei cristiani: non si realizza mai, perché la base è divisa; perché nella base ci sta chi tifa per Paolo, chi tifa per Cefa, chi tifa per Apollo. E hai voglia di pregare che si uniscano la Chiesa di Roma con la Chiesa di Gerusalemme, con la Chiesa ortodossa… Se la base è divisa, se noi siamo divisi tra noi, nel nostro piccolo, come possiamo sperare che il mondo, le Chiese a livello mondiale, si uniscano?

Il messaggio che ci viene dalle letture di oggi, dunque, tocca ognuno di noi, nella misura in cui ognuno di noi, chiamato ad essere discepolo, testimone del Vangelo, è schiavo di queste piccole beghe locali. Essere uniti, essere un cuor solo e un’anima sola non è teoria, è concretezza, e solo questo essere uniti ci fa essere testimoni credibili del Vangelo.

(22.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.