«Ti BASTA LA MIA GRAZIA»

(Ez 2,2-5; 2Cor 12,7-10; Mc 6,1-6)

Ancora una volta la prima lettura ci presenta il racconto della vocazione di un profeta. Questa volta si tratta di Ezechiele. Era un sacerdote del tempio di Gerusalemme e Dio gli affida un incarico molto particolare. Il popolo attraversa un periodo di profonda crisi spirituale; Ezechiele dovrà rimproverarlo per il suo allontanamento da Dio: «Io ti mando a un popolo dalla testa dura. Tu parlerai loro in mio nome. Ascoltino o non ascoltino, almeno sapranno che c’è un profeta in mezzo a loro».

Ezechiele prende talmente a cuore questa sua missione che, pochi anni dopo, quando gli ebrei vengono deportati a Babilonia, lui segue il popolo nell’esilio; continua a Babilonia la sua missione profetica e muore in esilio.

Nella rilettura cristiana della Bibbia, l’esperienza dei profeti è considerata un prototipo – una profezia – di quella che poi sarà la vita e la missione di Gesù. Il Vangelo ci ha raccontato una disavventura di Gesù a Nazareth, la città in cui è vissuto per trent’anni circa. Lo precede la fama che si è conquistata fino a quel momento, ma i suoi concittadini lo accolgono con freddezza: si scandalizzano delle cose che dice e per il modo in cui le dice: «Non è il figlio di Maria? Conosciamo tutti i suoi parenti. Una volta faceva il falegname…». Credono di conoscere bene il loro concittadino e non riescono a collegare ciò che hanno sentito dire di lui con quello che credono di sapere sul suo conto; il loro atteggiamento nei suoi confronti è condizionato dai pregiudizi. Proprio per questo motivo Gesù a Nazareth non riesce a fare nessun miracolo: si limita a pochi gesti di misericordia, ma niente di più; nei villaggi intorno a Nazareth, però, predica e viene accolto. Gesù stesso spiega questo atteggiamento dei suoi concittadini citando un proverbio: Nessun profeta è bene accolto nella sua patria, tra i suoi parenti e i suoi amici.

La missione di Ezechiele e le disavventure di Gesù sono profezia di quello che ogni membro del popolo di Dio dovrebbe attendersi. Nel battesimo siamo stati consacrati sacerdoti, re e profeti; tutti noi battezzati, non solo i preti, abbiamo ricevuto l’unzione profetica che ci abilita ad essere annunziatori del Vangelo. Quello che Dio ha detto a Ezechiele lo ripete a ognuno di noi: «Va’ e annunzia la mia parola. Ascoltino o non ascoltino, almeno sapranno che nel popolo di Dio c’è qualcuno che parla nel mio nome». Questa missione ci espone a dei rischio: quantomeno a quello di “rimetterci la faccia”, di essere derisi e rifiutato, come il nostro Maestro a Nazareth.

Diciamo sempre che una volta era molto più facile credere e vivere la propria fede: la società era naturalmente cristiana, non c’era bisogno di affrontare tante difficoltà per parlare di Dio. La Chiesa era amata, onorata, rispettata; la religione cattolica era considerata la religione dello Stato; sbagliando forse, ma questo rendeva tutto più facile. Oggi la situazione è cambiata: il clima spirituale è, per certi versi, simile a quello del tempo di Ezechiele. Potremmo prendere le parole che il libro di Ezechiele usa per descrivere la situazione di allora e applicarle ai cristiani di oggi: si adatterebbero alla perfezione!

Che cosa significa questo? Significa che i cristiani di oggi che volessero tener fede alla loro vocazione profetica dovrebbero sudare sette camicie per ritrovarsi comunque con i risultati di Ezechiele o di Gesù a Nazareth: sperimentare quanto meno l’indifferenza, se non la derisione.

Ma grazie a Dio, in tanto pessimismo c’è anche il brano di san Paolo… L’Apostolo ci parla di una sua esperienza molto personale: avverte dentro di sé la presenza di un “emissario di Satana” che provvede a mantener basso il suo orgoglio. Pensando alla grandezza delle rivelazioni che gli sono state fatte, alla missione a cui è stato chiamato, potrebbe insuperbirsi; quella “spina nel fianco” – che cosa fosse non lo sappiamo: è uno dei misteri irrisolti della sua esperienza di fede – contribuisce a tener basso il suo orgoglio. Ma la conclusione è ancor più significativa: «Per tre volte ho chiesto al Signore di liberarmi da questo emissario di Satana, ma il Signore mi ha risposto: “Ti basta alla mia grazia, perché la forza si manifesta nella debolezza”».

Di fronte all’esperienza di Paolo, assumono un significato diverso anche le parole che Dio dice a Ezechiele: «Ascoltino o non ascoltino, tu continua a parlare; anche se non ascolteranno, almeno sapranno che in mezzo a loro c’è uno che parla in nome di Dio». L’insuccesso, dunque, non è previsto; anche se ti sembrerà di parlare nel deserto, un risultato l’avrai ottenuto: chi non ascolta almeno saprà che Dio non si arrende, ma continua a seminare la sua Parola.

Auguriamoci che questo serva prima a noi e poi ai nostri fratelli ai quali la parola di Dio entra da un orecchio ed esce dall’altro.

(08.07.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.