Tra sacro e profano

Nel mese di giugno ricorrono molte date care alla devozione delle nostre popolazioni: sant’Antonio, san Vito, san Giovanni, san Pietro, solo per ricordare i più “quotati”; a luglio, poi, c’è la Madonna, venerata sotto i titoli delle Grazie e del Carmelo, ma c’è anche sant’Anna… E scusate se ho dimenticato qualche nome, ma non è un elenco che mi premeva di fare, quanto una riflessione sul nostro modo di onorare la Madre di Dio e nostra e i santi. Le feste che organizziamo in loro onore, e che smuovono sempre tanta popolazione anche dalle contrade vicine, hanno certamente una profonda incidenza nella vita spirituale dei fedeli, ma forse hanno anche un “difetto”: quello di lasciare il tempo che trovano…

È noto a tutti il proverbio popolare che afferma: «Passata la festa, gabbato lo santo». In genere – e per grazia di Dio – non è questa l’intenzione (“gabbare lo santo”) con cui si organizzano e si partecipa alle feste religiose popolari. Ma è altrettanto vero che è sempre concreto il rischio che, una volta passata la festa, tutto torni a scorrere come se niente fosse successo, per cui di fatto il risultato non voluto lo si raggiunge lo stesso. Questo dipende dallo spirito con cui le feste in onore della Madonna e dei santi vengono vissute…

Molti anni fa mi capitò di leggere un libro sui Babilonesi e sulle loro usanze religiose. Rimasi profondamente colpito da una loro usanza, che mi sembrò simile a certe tradizioni popolari ancora molto radicate, soprattutto nelle popolazioni del Sud Italia.

I Babilonesi erano politeisti, avevano cioè diverse divinità, ognuna con la sua sfera di competenza specifica. Ma anche tra i loro dei c’era una gerarchia: il dio principale si chiamava Marduk, al quale era dedicato un tempio fuori della capitale. Il primo giorno dell’anno tutti i Babilonesi venivano coinvolti in una festa in suo onore. Si svolgeva una grande processione con la quale la statua del dio veniva trasportata dal suo tempio in un luogo particolare all’interno della città, e qui si svolgevano festeggiamenti straordinari, con canti, danze, sacrifici… Tutto ciò aveva lo scopo di assicurarsi che il dio Marduk si impegnasse a far sì che l’anno appena iniziato fosse propizio o quanto meno si svolgesse senza grossi problemi. Va da sé che, se qualcosa durante l’anno andava storto, voleva dire che i fedeli non erano stati particolarmente devoti e sottomessi al dio; da qui tutto l’impegno a dare il meglio di sé per onorarlo.

Cose d’altri tempi! Oggi i fedeli che partecipano alle processioni dei nostri santi non hanno altro pensiero e altra intenzione che di rendere onore al “festeggiato” e di testimoniare nel contesto sociale in cui vivono la loro fede nell’unico Dio, la loro speranza nella vita eterna  e la loro carità verso i fratelli; fede, speranza e carità grazie alle quali il “festeggiato” ha potuto raggiungere lo scopo per cui era stato creato: godere Dio faccia a faccia. Questo è lo spirito con cui i cristiani onorano i loro santi, che la Chiesa propone alla loro venerazione «come amici e modelli di vita». Se non fosse questo lo spirito delle nostre feste religiose, esse sarebbero solo una forma di paganesimo, in nulla diverse da quelle dei Babilonesi e di qualsiasi altro popolo dell’antichità.

Ma se questo è lo spirito che anima le nostre feste religiose, deve essere visibile: una testimonianza, perché sia veramente tale dev’essere evidente. E dunque, la vera fede dei devoti che onorano degnamente i santi deve esprimersi non tanto in gesti profani, quanto in atteggiamenti sacri: che senso avrebbe partecipare ai festeggiamenti esterni senza curarsi degli aspetti propriamente sacri della celebrazione (messa, confessione, comunione)? La differenza tra celebrazione sacra e profana sta tutta qui. Il termine “profano”, infatti, sta ad indicare qualcosa che si realizza “fuori dal recinto sacro”, “fuori dal tempio”, ed esprime contrapposizione a ciò che invece si svolge “dentro il recinto sacro”, cioè dentro il tempio.

(7/2009)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.