Le origini dei due insediamenti di Montepertuso e Nocella, si possono far risalire all’abbazia di Santa Maria di Positano. In epoca storica, i primi abitatori del territorio sono stati verosimilmente i contadini che, per incarico dell’abate, coltivavano le terre di cui l’abbazia era proprietaria nelle due frazioni; alcuni di essi si sarebbero insediati stabilmente in questi luoghi e, cessata l’influenza degli abati, sarebbero diventati proprietari di quelle terre che avevano coltivato.

Fin dal XII secolo all’abate era stata affidata la cura pastorale dei fedeli di Positano, motivo per cui aveva unito al titolo abbaziale quello dell’antica parrocchia intitolata al martire San Vito; si fregiava, infatti, del titolo di “abate di Santa Maria e San Vito”.

Quando Montepertuso divenne parrocchia autonoma? Non lo sappiamo. Nelle visite pastorali del XVI secolo, alla chiesa di Montepertuso viene riconosciuto il titolo di parrocchiale, ma non c’è un parroco, bensì un sacerdote che esercita la cura d’anime in nome e per conto dell’abate di Positano: abate commendatario, ormai, perché verso la metà del XV secolo i monaci abbandonarono l’abbazia, che fu affidata appunto a degli abati commendatari. Questi ben poco si curavano della vita spirituale dei fedeli, preoccupandosi essenzialmente di riscuotere le rendite. Ma per fortuna c’era un clero locale che provvedeva alle esigenze spirituali deglli abitanti del territorio.

Stando alle scarsissime notizie che ci sono pervenute in proposito, possiamo ritenere che sia Montepertuso che Nocella, intorno al 1500, avessero un edificio di culto. Quando, nel 1550, l’Arcivescovo di Amalfi effettuò una Visita Pastorale a Montepertuso, le condizioni del tempio erano tali che ci si limitò a prendere nota delle sue pessime condizioni: sembra di capire, dalla relazione che ci è pervenuta, che il Visitatore si sia limitato a prendere nota del degrado dei luoghi, senza compiere alcun altro atto tra quelli previsti dal Rituale.

I rilievi dell’Arcivescovo dovettero provocare nei fedeli di Montepertuso un sussulto di orgoglio: grazie all’aiuto economico di due nativi del luogo, che avevano fatto fortuna a Napoli come cambiavalute, si pose mano alla ricostruzione della chiesa e lentamente la comunità tornò a vivere e a professare la sua fede.