Troverà ancora la fede?

Lc 18,1-8

Gesù racconta ai suoi discepoli la parabola della vedova e del giudice iniquo e l’evangelista ci rivela il motivo per cui Gesù prende questa iniziativa: egli vuole parlare ai discepoli della necessità di pregare sempre senza stancarsi mai. Il tema, quindi, sarebbe quello della preghiera. Alla fine del racconto Gesù conclude il discorso con una domanda che sembra non entrarci niente: «Il figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?». Che c’entra?

Per cercare di capirlo chiediamoci: Che cos’è la fede? Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci dice che la fede è la risposta dell’uomo a Dio che si rivela. Dio rivela sé stesso nel creato, nella Sacra Scrittura, in Gesù Cristo e nel suo insegnamento. La nostra risposta a questa rivelazione è la fede. Noi diamo la nostra risposta, il nostro assenso alla Rivelazione con la fede. La preghiera è la manifestazione, o una delle manifestazioni, della nostra fede.

La preghiera nasce dalla fede. Noi preghiamo perché siamo convinti che tutto quello che Dio e Gesù ci hanno rivelato è vero ed è per la nostra salvezza. Con la preghiera noi ci rivolgiamo a Dio per rendergli l’omaggio della nostra lode, per ringraziarlo dei suoi benefici ed anche per chiedergli quelle grazie di cui abbiamo bisogno per la nostra vita materiale e spirituale.

In questa prospettiva la domanda di Gesù diventa provocatoria: se non troverà più la fede sulla terra vorrà dire che è scomparsa la preghiera. Se non si prega la fede non viene manifestata, non viene espressa, non viene alimentata e quindi scompare.

Il racconto di quella vedova insistente nei confronti del giudice disonesto vuole essere una provocazione. Se quel giudice iniquo ha agito così, quanto più Dio Padre non risponderà sollecitamente alle preghiere insistenti dei suoi figli che si rivolgeranno a lui con fede?

Ci si lamenta del fatto che nel mondo di oggi la fede sembra essere diventata un fatto privato, quando non è proprio assente; ognuno si costruisce il suo modo di credere, secondo le proprie esigenze o il proprio modo di vedere, e si va avanti così. La fede come risposta a Dio che si rivela, come patrimonio di una comunità, sembra vacillare. La domanda di Gesù, allora, diventa tragicamente attuale; con essa ci vuole dire che se non troverà la fede sulla terra sarà perché prima della fede è scomparsa la preghiera.

Quando ci ritroviamo in chiesa a pregare per le necessità nostre e del mondo intero, a ringraziare Dio per i suoi benefici. Anche la preghiera personale è un elemento importante per la nostra crescita spirituale, ma la preghiera comunitaria testimonia di fronte al mondo la nostra fede come comunità.

L’insistenza nella preghiera – pregare sempre, senza stancarsi – serve a far sì che la nostra fede venga alimentata continuamente, giorno per giorno. Se venendo Gesù Cristo non troverà più la fede sulla terra, vorrà dire che qualcosa si è inceppato nel meccanismo, che si è persa l’abitudine di chiedere a Dio il dono della fede. Perché, ricordiamocelo, la fede è un dono che viene da Dio e noi dobbiamo pregare, come gli apostoli che chiedevano a Gesù «Aumenta la nostra fede». Ma è un dono che va coltivato, alimentato costantemente con la preghiera. La fede è un dono che ci è affidato perché la facciamo crescere. Perché la fede possa rimanere sempre viva, perché possa continuare a illuminare il mondo, l’elemento essenziale è la preghiera, la preghiera insistente e fiduciosa, senza stancarsi mai; quella preghiera che qualche volta magari diventa un po’ sfacciata… Ricordate quell’altra parabola dell’amico importuno, che in piena notte bussa alla porta dell’amico per chiedergli del pane? Gesù conclude dicendo che, se anche non glielo darà per l’amicizia, glie ne darà quanto gliene occorre per la sua insistenza. Dobbiamo essere anche un po’ sfacciati nella preghiera, altrimenti quella fede che abbiamo ricevuto in dono si esaurirà; la cera, che tiene accesa quella candela che ci è stata consegnata il giorno del nostro battesimo, finirà e quando il Signore verrà, non troverà più la fede sulla terra.

(16.10.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*