Un seminatore “sprecone”

Is 55,10-11; Mt 13,1-9

La prima lettura ci ha presentato una bellissima profezia di Isaia: «Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver irrigato la terra, così sarà della parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza aver prodotto ciò per cui l’ho mandata». Ma nel Vangelo troviamo una parabola di Gesù che sembra dirci qualcosa di diverso. Gesù parla di sé e del seme della sua parola che lui, come seminatore, sparge nel terreno e che dà frutto a seconda del terreno in cui cade. Il compito del seme, dunque, viene svolto o meno a seconda del terreno in cui è caduto. Sembrerebbe una contraddizione con quanto diceva Isaia, ma la contraddizione è solo apparente, perché Isaia parla di una Parola che scende sulla terra e non tornerà a Dio senza aver fatto ciò per cui Dio l’ha mandata; è quindi, in qualche modo, una profezia messianica: la Parola che scende sulla terra mandata da Dio è Gesù Cristo, il Verbo incarnato, venuto per spargere nel mondo il seme della Parola, e che, quando avrà compiuto la sua missione offrendo la vita per la salvezza dell’umanità, tornerà a Dio.

Nel Vangelo Gesù parla della sua parola, che egli sparge nel mondo e che sarà accolta e darà frutto in base alle condizioni del terreno sul quale cade.

I destinatari di questa parola, di questo seme sparso senza risparmio, siamo noi, sono gli uomini di tutti i tempi. La parola che riceviamo, ammesso che la riceviamo, darà frutto in base allo stato del terreno nel quale cade, cioè in base alla situazione del nostro cuore: se troverà un cuore duro e impermeabile come una strada asfaltata, il seme non entrerà all’interno di esso e le preoccupazioni del mondo lo porteranno via; se invece troverà un terreno sassoso, cioè un terreno povero di terreno fertile, apparentemente porterà subito frutto, ma quando cominceranno i problemi, le difficoltà, quella parola brucerà come un germoglio al sole; se poi il nostro cuore sarà come un terreno coperto di spine, soffocato da tante preoccupazioni, il seme non andrà avanti, sarà soffocato da quelle “spine”; finalmente se troverà un buon terreno fertile, questo seme darà un frutto straordinario.

Vorrei richiamare la vostra attenzione sul significato di quei numeri con i quali Gesù indica la quantità di frutto prodotta dal terreno buono: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Non dice “percento”: è matematica, e la matematica non è un’opinione; dice “per uno”, cioè ogni seme produrrà cento, sessanta o trenta per uno! Questo significa, in un certo senso, che anche la profezia di Isaia viene verificata, perché, anche se in tre casi su quattro ha fatto fallimento a causa del terreno, in quell’unico caso in cui trova un terreno fertile il seme produce una tale abbondanza di frutto che compensa i fallimenti delle altre situazioni.

Si è fatto notare qualche volta che il seminatore di questa parabola sembra essere uno sprecone: sparge il seme senza far caso a dove cade! Ma nel caso di Gesù Cristo e della sua parola, se lo può permettere, perché la produzione data dal terreno buono supera abbondantemente quella che potrebbe essere una produzione normale. Questo allora ci dice una cosa importante, ci dice che dipende da noi non solo accogliere il seme ma anche far sì che esso trovi un terreno fertile, un cuore capace di portare un frutto straordinariamente abbondante. Dipende da noi. Gesù Cristo sparge la sua parola nel mondo come uno sprecone, senza preoccuparsi in anticipo della bontà del cuore in cui la sparge. Anche se sa che quel cuore è impermeabile più di una strada asfaltata, ci prova comunque: sa bene che, con l’aiuto della grazia, anche una strada asfaltata può diventare un terreno fertile; e in ogni caso, quella parte di seme che troverà un terreno fertile darà frutto anche per quello che non ne darà. Tutto dipende da noi; se il seme della parola non porta frutto, non è colpa del seme ma del cuore sul quale cade, che resta chiuso all’azione della grazia.

Ascoltare la parola, allora, comporta un impegno importante: comporta accoglierla in un cuore docile, in cuore attento alle sorprese della grazia, in un cuore che produca frutti abbondantissimi. In vista di ciò il seminatore – a costo di apparire uno sprecone – non ha dato peso al fatto che qualche seme è andato perso: egli spera nel frutto che porteranno i cuori che avranno saputo accogliere e far fruttare la loro parte di semi.

(16.07.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.