Una madre su misura

Nessun essere vivente potrebbe scegliersi la propria madre. È un dato di fatto che non ammette eccezioni. Eppure tra i nati di donna ce n’è stato uno che ha potuto scegliersi la madre, anzi ha potuto prepararla in modo che fosse proprio adatta a lui, in tutti i sensi e sotto ogni aspetto. Stiamo parlando di una ragazza nata circa duemila anni fa in un villaggio della Galilea, chiamato Nazaret, il cui nome era Miriam, meglio nota come Maria. Quest’unico uomo, privilegiato, si chiamava Jeshuà, in italiano Gesù. Che cosa aveva di straordinario questo Gesù da essere in grado di scegliersi una madre adatta a sé? È chiaro che la prima condizione, indispensabile, per potersi scegliere la propria madre sarebbe quella di preesistere a lei. E qui il nostro ragionamento comincia a vacillare. Come può un uomo preesistere alla propria madre?… Impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile!

Potrebbe Dio “organizzare le cose” in modo da preparare una degna dimora per il suo figlio? Se rispondessimo di no, dovremmo poi chiederci: Ma allora che razza di Dio è? Dunque la risposta non può che essere affermativa: Sì, Dio poteva scegliere una donna, anzi – più correttamente – poteva prepararla fin dal primo istante della sua esistenza umana, in modo che fosse proprio la più adatta a generare il suo figlio. Ma c’è di più. Questo figlio, nato nel tempo da una donna straordinaria, in quanto figlio di Dio e Dio egli stesso, preesisteva a sua madre, generato nell’eternità, della stessa sostanza divina del Padre, una sola natura divina con il Padre e lo Spirito Santo. E poiché le “operazioni ad extra” di Dio sono sempre operazioni “solidali” di tutte e tre le Persone divine, il Figlio, in unità d’intenti con il Padre e lo Spirito Santo, ha predisposto quella creatura straordinaria che si sarebbe chiamata Maria perché fosse “fatta su misura” per il Figlio di Dio che aveva deciso di incarnarsi, cioè di entrare nella storia degli uomini per far conoscere loro chi era veramente il loro Dio. E così avvenne che una ragazza, nell’aspetto in tutto simile alle sue coetanee, era in realtà qualcosa di speciale, di unico e irripetibile nella storia umana…

Fin dal primo istante del suo concepimento fu preservata da ogni sia pur minima traccia di imperfezione spirituale. Creatura pienamente libera, le venne data la possibilità di accettare o di rifiutare il progetto del suo Creatore, il quale volle chiedere il suo assenso prima di dare inizio al progetto che aveva formulato fin dall’origine del mondo. Solo dopo il suo «Sì», la storia incredibile di un Dio che si fa uomo poté avere inizio. E una volta espletato il suo compito di madre, lei visse all’ombra di quel figlio che amava e del quale intuiva già un cammino irto di sofferenze immeritate. La ritroviamo al culmine della vicenda terrena sua e del figlio, quando questi volle donarla come madre a tutti coloro che avrebbero creduto in lui. E fu così che i discepoli di tutti i tempi la presero con sé.

Ma dopo aver fatto tanto, dopo averla arricchita di tanti doni spirituali, poteva mai quel figlio che aveva sconfitto la morte lasciare che della morte sua madre subisse le conseguenze? E così, quando lei ebbe compiuto il suo percorso terreno, si vide portata accanto al suo figlio, preservata dalla corruzione del sepolcro. Tutto ciò la Trinità divina poteva farlo, volle farlo e lo fece.

Nessun uomo può scegliersi la propria madre. Tante volte vorremmo poter fare per lei, pur non avendo potuto sceglierla, tante cose; ma noi non siamo onnipotenti, anzi al contrario, ci troviamo spesso impotenti: non siamo in grado di far altro che ricambiare l’amore che ci è stato donato.

(1/2015)