Vedere, capire, seguire quella luce

Mt 2,1-12

Anche nella solennità dell’Epifania ci viene riproposto il tema della luce che abbiamo incontrato nella notte di Natale. Ma questa volta la prospettiva è diversa. La scena è dominata da una stella che va a chiamare i Magi, per condurli dall’Oriente a Betlemme. I Magi infatti, vedendola, capiscono che è successo qualcosa di straordinario, e si mettono in cammino. Quella luce è stata mandata apposta per loro, che erano in grado di comprendere il messaggio che portava in sé; molti altri l’hanno vista, ma non l’hanno capita. Stiamo parlando di quella luce che ha brillato nella notte di Betlemme, di quella stessa luce che i Magi vedono e adorano al termine del loro cammino.

Quando i Magi arrivano a Gerusalemme, capitale del regno, e chiedono informazioni su quella nascita che, secondo loro, riguardando un figlio di re, non poteva essere ignorata, nessuno ne sa niente. Non solo: Erode e tutta Gerusalemme, di fronte alla prospettiva di quell’evento straordinario di cui parlano i Magi, rimangono sconvolti. Erode non riesce a nascondere l’ansia: chiama gli esperti e chiede loro dove doveva nascere il Messia.

I Magi, però, non hanno parlato di Messia, hanno parlato di un re, del re d’Israele: «Dov’è il re dei Giudei che è nato?». Erode interpreta quella frase dei Magi secondo il suo vero significato. Convoca gli  “esperti” e chiede loro dove è previsto che dovrebbe nascere il Messia. I dottori della Legge gli citano la profezia secondo la quale “il re” doveva nascere a Betlemme, la città di Davide. Erode mica si precipita a onorare quel bambino, no: si organizza per risolvere quello che per lui è un problema. La luce che è venuta nel mondo per Erode è un problema, qualcosa di grave da ostacolare; per i Magi, che hanno fatto tutto quel viaggio appresso a una stella, è qualcosa a cui rendere omaggio. Tra questi due estremi ci stanno tutti gli atteggiamenti e le prese di posizione umanamente possibili di fronte a un evento imprevedibile, inconcepibile: il Verbo si è fatto carne. Qual è l’atteggiamento di noi credenti?

La parola Epifania significa manifestazione; l’abbiamo detto tante volte. Quel Bambino che sceglie di manifestarsi attraverso una stella, lo fa perché vuole che si accorgano di lui delle persone che “per mestiere” scrutano il cielo e che avrebbero capito il messaggio contenuto in quel segno. Ma quella luce che si è rivelata nella notte di Betlemme che reazione suscita in noi? Quella dei Magi? Quella di Erode? Quella degli abitanti di Gerusalemme, che rimangono incerti? Quella dei dottori della Legge, che conoscono la profezia ma non si curano di verificarne l’attuazione? Quanti atteggiamenti diversi di fronte a quella luce che è apparsa nel mondo…

Oggi siamo invitati anche noi a farci una domanda: Di fronte a quella luce che si è accesa nella notte di Betlemme, io come reagisco? Qual è il mio atteggiamento? Posso scegliere tra i vari personaggi che si sono presentati sulla scena, ma devo prendere posizione. Forse non arriverò al massimo, rappresentato dai Magi, che, prostrati davanti a una scena delle più normali di questo mondo, offrono a quel Bambino doni profondamente significativi, chiara testimonianza di ciò essi vedevano in quel Bambino: un personaggio straordinario, un re, un salvatore. Noi che cosa vediamo in quella luce che ha illuminato la notte di Betlemme?

(06.01.2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.