DISPOSIZIONI PARROCCHIALI DA OSSERVARE

per la celebrazione del Battesimo…

 

Per meglio esprimere il legame tra il Battesimo e la Pasqua, sarebbe sommamente opportuno che la celebrazione si svolgesse durante la Veglia Pasquale. Poiché non sempre ciò è possibile, si dà la possibilità di celebrare il sacramento durante la Messa domenicale, a condizione che non vi si ricorra troppo di frequente e che alla celebrazione partecipi effettivamente la comunità parrocchiale.

Il Battesimo si potrà amministrare durante una delle Messe di orario a cui partecipa la comunità, solo nella quarta domenica di ogni mese. Nel caso di coincidenza con altre celebrazioni particolari (Prima Comunione, Corpus Domini, Natale…), il Battesimo si potrà celebrare durante la Messa la domenica precedente o seguente. Nel mese in cui cade la Pasqua, si potrà celebrare solo durante la Veglia Pasquale.

Nei giorni feriali e nelle altre domeniche il Sacramento si potrà celebrare senza la Messa, a qualunque ora, compatibilmente con altre eventuali celebrazioni comunitarie.

Qualora vi siano più bambini da battezzare, non sono consentite celebrazioni distinte nello stesso giorno, ma è opportuni che vengano battezzati in un’unica celebrazione.

Per quanto riguarda gli adempimenti previ spettanti ai padrini, si rimanda alle disposizioni specifiche [qui].

… e del Matrimonio

Dato che la celebrazione del Matrimonio in una piccola realtà come la nostra provoca, comunque e nonostante la buona volontà degli interessati, l’inevitabile sconvolgimento della celebrazione domenicale o festiva, si dispone che nelle domeniche e nelle solennità di precetto non è consentita in parrocchia la celebrazione del Matrimonio.

Il Matrimonio tra due battezzati si celebra sempre durante la Messa. Qualora uno dei due contraenti non appartenga alla Chiesa Cattolica, il rito si svolgerà senza la celebrazione eucaristica.

Durante il tempo di Avvento e Quaresima gli sposi si attengano ad una opportuna sobrietà negli addobbi in chiesa. In ogni caso, anche per i tempi non penitenziali, espongano al parroco le loro intenzioni in materia di addobbi, onde assicurarsi il rispetto delle disposizioni vigenti e del luogo sacro.

Gli sposi prendano altresì contatto, in tempo utile, con il parroco per concordare
– il repertorio musicale o canoro che dovrebbe animare la celebrazione, onde evitare scelte in contrasto con la sacralità della liturgia;
– i testi che verranno proclamati durante la celebrazione;
– lo svolgimento delle varie parti del rito.

Scarica qui il file PDF