Vivere da risorti

2Mac 7,1-2.9-14; Lc 20,27-38

Siamo ancora con il ricordo nel clima della visita ai cimiteri, della commemorazione dei nostri fratelli defunti: la liturgia di questa domenica ci propone un tema molto appropriato, anche in considerazione del fatto che siamo ormai vicini alla fine dell’anno liturgico.

Il tema di questa liturgia della parola è la risurrezione, o meglio: la verità di fede nella resurrezione dei morti.

Come tutte le cose che ci ha rivelato, questo mistero, questa verità di fede Dio ce l’ha rivelata gradualmente: ha fatto in modo che gli uomini potessero poco alla volta entrare nell’idea di questa realtà. Abbiamo ascoltato nel secondo libro dei Maccabei il racconto di una persecuzione e di come alcuni Giudei vissero questa persecuzione, fermamente radicati nella loro fede, soprattutto convinti che, anche se li avessero uccisi, la loro vita, la loro speranza era piena di immortalità. È Dio che guida l’umanità nella sempre migliore, sempre più profonda conoscenza delle verità di fede. Poi Gesù nel Vangelo ci mette il sigillo, ci dà anche una motivazione teologica della resurrezione.

Al tempo di Gesù non era molto chiara la cosa: c’erano alcuni ebrei che credevano nella resurrezione dei corpi, ma c’erano altri che non ci credevano; e tra questi che non ci credevano c’erano i Sadducei, i quali cercavano di affrontare Gesù proprio su questo tema. E Gesù fa riferimento a un episodio molto lontano nel tempo, per dare un fondamento teologico alla risurrezione dei morti. Quando Mosè, sul monte Sinai, si trova davanti un roveto che arde senza consumarsi e si avvicina per vedere di che si tratta, sente una voce: “Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe!

Gesù fa riferimento a questa dichiarazione di Dio per dire: “Dunque Dio non è il Dio dei morti ma dei viventi”. Perché Dio aveva detto: Io sono ora il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe. Il senso delle parole di Gesù è questo: Se questi antenati del popolo eletto fossero morti definitivamente, Dio sarebbe un dio di morti; se, invece, dice così, vuol dire che Abramo Isacco Giacobbe vivono in una realtà nuova e diversa, da risorti.

Notate che questo brano del Vangelo si trova in una posizione piuttosto curiosa. Certamente il racconto è stato scritto dopo la risurrezione di Gesù, quando la comunità cristiana aveva fatto l’esperienza del Risorto, avevano ricevuto la testimonianza della risurrezione da coloro che erano stati i testimoni diretti, che avevano potuto vedere e toccare il Signore dopo la sua risurrezione. Ma l’episodio che il brano racconta – la discussione tra Gesù e i Sadducei – era avvenuto prima. Questo ci dice che anche la comunità cristiana dei primi anni andava riflettendo sul significato di quello che in proposito diceva l’Antico Testamento – il libro dei Maccabei, l’episodio di Mosè –, ma aveva un elemento in più non solo di riflessione teologica ma anche di esperienza concreta: la testimonianza di coloro che avevano visto Gesù vivo, dopo averlo messo nel sepolcro, che aveva mangiato con loro, si era fatto toccare…

Che cosa dice a noi tutto ciò? Nel Credo professiamo di credere che Cristo è risorto e che anche noi risorgeremo, ma c’è un problema: la risurrezione – anche se ne siamo convinti a livello di fede, non ha nessun impatto sulla nostra vita. Invece è proprio questo che Gesù vorrebbe, perciò insiste con i Sadducei a dire, a proclamare che Dio è Dio di viventi, è Dio della vita. Noi non crediamo in una realtà che si chiude qui, con la morte: la convinzione della resurrezione dei morti, così radicata nel cuore dei credenti, dovrebbe far sentire il suo peso sulla nostra vita di tutti i giorni. Che significa? Significa che noi dovremmo vivere da risorti. Vivere da risorti non significa pensare che tanto poi alla fine risorgeremo a una vita diversa, nel senso che possiamo passare attraverso tutte le vicende terribili di questa vita, tanto poi risorgeremo. Vivere da risorti non significa solo questo, significa che la risurrezione dovrebbe essere per noi stimolo a una continua revisione di vita. Noi risorgeremo, è certo. Ma il destino che seguirà la risurrezione dipenderà dalle opere compiute in questa vita. San Paolo dice che alcuni sorgeranno per la vita eterna, altri risorgeranno per una condanna eterna. La professione di fede nella risurrezione dei morti dovrebbe influenzare il nostro modo di vivere in questa vita, perché ciò che saremo da risorti dipende da ciò che siamo stati in questa vita, dipende da come abbiamo vissuto in questa vita il mistero della risurrezione.

Quando Gesù dice che Dio è il Dio dei viventi, non il Dio dei morti, vuol dire che noi dobbiamo comportarci da viventi; non significa che siamo vivi perché mangiamo, dormiamo, lavoriamo e così via; significa essere, vivere, procedere nella vita terrena in una prospettiva di vita eterna. È l’unica realtà che ci garantisce che un giorno risorgeremo per la vita. Credere nella risurrezione dei morti significa vivere come figli del Dio vivente portando frutti di vita eterna già qui e ora, durante il nostro pellegrinaggio verso la patria eterna.

(6.11.2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.