Un gruppo di case appollaiate sulla collina sopra Positano, questa è Montepertuso. Deve il suo nome alla montagna forata che la domina dal versante orientale.

Fino a circa 30 anni fa era raggiungibile solo grazie a milleduecento scalini che partivano dal rione Liparlati; poi arrivò la strada rotabile e l’isolamento finì.

Due chilometri più a Est c’è Nocella, piccolo agglomerato di case il cui nome sembra derivare dal latino “nova cella”, cioè “nuova camera” oppure “nuova cappella”, che ci riporta all’abbazia benedettina esistente a Positano dal secolo X circa. Fino all’anno 2000, per arrivare a Nocella c’erano due possibilità: il sentiero che la collegava a Montepertuso oppure millesettecento scalini che partivano dalla Statale Amalfitana in località Arienzo. Poi nel 2001 arrivò il prolungamento della rotabile per Montepertuso, e anche quest’ultima piccola frazione di Positano si trovò più facilmente collegata con il mondo civile.

Le due frazioni compongono il territorio della Parrocchia Santa Maria delle Grazie, confine Ovest dell’Arcidiocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni. Circa mille anime, di cui ottocento nella frazione principale e duecento a Nocella; ma i numeri sono ballerini…

 

Le due frazioni viste dalla Statale Amalfitana (località Garitta)